Impressionisti segreti. Una mostra a Roma

La mostra “Impressionisti segreti” sancisce il promettente esordio di un nuovo spazio espositivo a Roma, nel secentesco Palazzo Bonaparte.

Pierre Auguste Renoir, Paysage à la Roche Guyon, 1887. Collezione Pérez Simón, Messico
Pierre Auguste Renoir, Paysage à la Roche Guyon, 1887. Collezione Pérez Simón, Messico

Con una mostra elegante e ricercata dedicata all’Impressionismo si inaugura a Roma, nella centralissima Piazza Venezia, nel secentesco Palazzo Bonaparte – un prezioso gioiello del Barocco romano ‒, che fu abitato da Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone, un nuovo, prestigioso spazio espositivo di proprietà della Compagnia Generali Italia che, in collaborazione con la Società Arthemisia, da alcuni anni propone e supporta grandi mostre d’arte in tutto il territorio nazionale nell’ambito del progetto pluriennale Valore Cultura.

LA MOSTRA

La peculiarità della mostra, magistrale nell’allestimento e nell’illuminotecnica, sta soprattutto nella scelta di esporre unicamente opere “segrete”, mai viste in pubblico perché custodite gelosamente nelle collezioni private e prestate oggi eccezionalmente dai proprietari: un’occasione che non ci lasciamo sfuggire. Assistiamo conquistati e attoniti al miraggio di un manipolo di artisti che intesero l’umana appercezione come una sorta di superfetazione del nervo ottico: onde attorno a essi, ovunque l’occhio si posasse, non v’era se non vibrazione luminosa e rapida oscillazione cromatica che animava di un’unica vita la natura, gli esseri e le cose, tutto compenetrando senza apparente soluzione di continuità. Lo vediamo nelle numerose tele dipinte en plein air con una tavolozza ricca di toni accesi e ombrosi a inseguire la cangiante varietà della percezione.

Federico Zandomeneghi, Sul divano, 1885 90 ca. Collezione privata, Italia
Federico Zandomeneghi, Sul divano, 1885 90 ca. Collezione privata, Italia

I PROTAGONISTI

Questo rivoluzionario occhio impressionistico si acuì oltremisura in Monet e in Sisley fino a condurli sul confine estremo dell’astrazione (valga come esempio L’ile aux Orties di Monet, esposto in mostra). Né si peritò di esplorare, con minuzia entomologica, la “cauda pavonis” dell’esperienza visiva, frantumandola in miriadi di punti di colore, come accadde in Seurat e in Signac. Esemplari di questa spaesante deriva ottica, gli oli del puntinista Henri-Edmond Cross. L’originalità della mise en cadre è un altro aspetto, non secondario, della visione impressionista, anch’esso posto sapientemente in risalto dalla mostra: la messa in discussione dell’artificio prospettico, del nesso gerarchico tra figura e sfondo, della costruzione teatrale della scena pittorica a scapito dell’immediatezza vitale dell’istante. La cogliamo, ad esempio, nei paesaggi e nelle scene d’interno di Gustave Caillebotte, nei volti sfumati di Pierre-Auguste Renoir (un impressionista che ha studiato Raffaello) e nell’unico dipinto del veneziano Federico Zandomeneghi, l’unico pittore italiano che ha aderito al movimento impressionista.

Luigi Capano

Evento correlato
Nome eventoImpressionisti segreti
Vernissage30/05/2020 no
Duratadal 30/05/2020 al 07/06/2020
AutoriPierre-Auguste Renoir, Paul Gauguin, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Claude Monet, Paul Signac, Gustave Caillebotte, Berthe Morisot, Alfred Sisley
CuratoreClaire Durand-Ruel
Generearte moderna
Spazio espositivoPALAZZO BONAPARTE
IndirizzoPiazza Venezia - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luigi Capano
Di professione ingegnere elettronico, si dedica da diversi anni all’organizzazione di eventi culturali sia presso Gallerie private che in spazi istituzionali. Suoi articoli d’arte sono apparsi su periodici informatici e cartacei: Rivista dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Expreso Latino, Arte e Fede, Umanesimo del Lavoro, Rivista di Studi Fiumani, Art a part of culture, Fourzine Magazine, Papale-Papale, Almaghrebiya.