Le Gallerie dell’Accademia di Venezia compiono duecento anni e festeggiano con una grande mostra

Ha preso il via oggi, venerdì 29 settembre, l’atteso appuntamento espositivo nella cornice della sede lagunare. Riflettori puntati su Francesco Hayez, Antonio Canova e Leopoldo Cicognara, tre personalità fortemente legate alle origini del museo veneziano.

Mescola storia e cultura visiva la mostra che accoglie il pubblico negli ambienti al pianterreno delle Gallerie dell’Accademia di Venezia. In occasione del bicentenario della propria attività, la sede veneziana guarda alle origini, concentrando l’attenzione su tre figure cardine nello sviluppo di un organismo capace di tutelare il patrimonio artistico della Serenissima, venuta meno la centralità di quest’ultima sullo scacchiere politico internazionale.
Fu grazie al conte ferrarese Leopoldo Cicognara, allora presidente dell’Accademia di Belle Arti, ad Antonio Canova e a Francesco Hayez che la sede fondata per decreto napoleonico nel 1807, e aperta ai visitatori un decennio più tardi, si configurò come un luogo atto alla salvaguardia dei beni civici ed ecclesiastici, messi a dura prova dalle dispersioni seguite alla fine della Serenissima. Le oltre 130 opere in mostra, organizzate attorno a dieci sezioni, includono la serie di manufatti spediti alla corte di Vienna nel 1818 per rendere omaggio al quarto matrimonio dell’imperatore Francesco I, riuniti a Venezia dopo due secoli, e la celebre Musa Polimnia di Canova, la cui storia trova finalmente piena visibilità.

Evento correlato
Nome eventoCanova Hayez Cicognara. L'ultima gloria di Venezia
Vernissage28/09/2017 su invito
Duratadal 28/09/2017 al 08/07/2018
AutoriAntonio Canova, Francesco Hayez, Antonio Cicognara
Generearte antica
Spazio espositivoGALLERIE DELL'ACCADEMIA
IndirizzoCampo della Carità, 1050, 30123 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).