Alberi e pittura nella mostra di Simone Berti a Milano

Gli alberi e la natura sono diventati protagonisti della ricerca artistica recente di Simone Berti, in mostra alla Schiavo Zoppelli Gallery di Milano

Le sue immagini di persone, animali e oggetti sospesi su protesi, impalcature e palafitte irruppero con scanzonata leggerezza nell’immaginario collettivo del panorama artistico italiano nei tardi Anni Novanta. Installazioni e pitture che rievocavano illustrazioni da sillabario, ma rilette sottolineando impietosamente tutte le fragilità, instabilità e menomazioni dei soggetti raffigurati: questa è stata la cifra stilistica predominante di Simone Berti (Adria, 1966). In tempi più recenti i protagonisti della sua ricerca sembrano essere Soprattutto alberi (come tautologicamente recita il titolo della mostra in corso alla Schiavo Zoppelli Gallery) e anziché traballare e zoppicare si radicano e si diramano saldamente al suolo, facendo presa con la terra.

Simone Berti, Untitled, 2019, mixed media on canvas, 180 x 290,5 cm. Photo Andrea Rossetti
Simone Berti, Untitled, 2019, mixed media on canvas, 180 x 290,5 cm. Photo Andrea Rossetti

LE OPERE DI SIMONE BERTI IN MOSTRA A MILANO

Come sempre nei dipinti di Berti, questi soggetti ritagliano le loro epifanie su uno smalto neutro, su un limbo decolorato, come apparizioni su uno schermo vuoto, la tela vergine delle favole, lo spazio incontaminato dove prende forma la materia dei sogni. Sono fasci di fibre, filamenti legnosi, rugosità e ondulazioni di scorze, polpe e muscolature vegetali che si profilano e si intricano, ergendosi a guisa di colonne come nell’Untitled del 2004, un tronco radiante di colori solforizzati, quasi che per incantesimi stregoneschi o per malefici chimici esso risucchiasse minerali fosforescenze sotterranee; o come nell’Untitled del 2019, dove i colori assumono sfumature acide e velenose, esaltate come sempre dal bianco impassibile dello sfondo.

Simone Berti. Soprattutto alberi, installation view at Schiavo Zoppelli Gallery Milano, 2022. Photo Andrea Rossetti
Simone Berti. Soprattutto alberi, installation view at Schiavo Zoppelli Gallery Milano, 2022. Photo Andrea Rossetti

LA PITTURA DI SIMONE BERTI

La pittura non si inspessisce mai, la pasta cromatica accarezza la tela senza grumi o inciampi materici, il pennello di Berti sembra procedere a ritmi lentissimi, mimando quasi gli stessi tempi di crescita dell’albero, la paziente cronologia di tutte le sue infinite metamorfosi. Metamorfosi che si estendono anche alla vita animale coinvolgendola in un unico processo germinativo. Nell’Untitled del 2020 le ramosità delle corna dei cervi si innestano e concrescono con le appendici degli alberi, come se tutta la natura non fosse che un massificarsi e incrociarsi di lacerti lignei: un universo metamorfico ‒ come rileva Luca Cerizza nel testo introduttivo, citando le osservazioni sulle fiabe di Italo Calvino ‒ che rimanda a una mitica e primigenia “sostanza unitaria del tutto”.

Alberto Mugnaini

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoSimone Berti - Soprattutto Alberi
Vernissage10/02/2022 ore 18
Duratadal 10/02/2022 al 19/03/2022
AutoreSimone Berti
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSCHIAVO ZOPPELLI GALLERY
IndirizzoVia Martiri Oscuri 22, 20125 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mugnaini
Alberto Mugnaini, storico dell’arte e artista, si è laureato e ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’Università di Pisa. Dal 1994 al 1999 ha vissuto a New York, dove è stato tra i fondatori del laboratorio di design “New York Works”. Nel 2006 ha dato vita al progetto “AlbertoAperto”, che prevede progetti di mostre e di interventi culturali all’interno del suo studio di Milano. È stato collaboratore di “La Nazione”, “Abitare”, “Flash Art”. Le sue pubblicazioni, oltre che l’arte contemporanea, hanno avuto per oggetto il Manierismo e i rapporti tra arte e scienza. I suoi lavori di design e scultura sono stati esposti nei principali musei milanesi quali il Bagatti Valsecchi, il Poldi Pezzoli e il Design Museum della Triennale.