Materia e maternità nella mostra di Iris Nesher a Roma

Video, fotografia e ceramica sono i linguaggi messi in campo dall’artista israeliana Iris Nesher nella mostra alla Nomas Foundation di Roma per affrontare un tema complesso come quello della maternità e del ruolo della donna nel mondo

Cosa significa essere madre? Esserlo amando i propri figli, oppure senza volerlo. Desiderandolo e non riuscendoci o decidendo liberamente di non avere bambini. È una mostra sul corpo delle donne e sul loro ruolo nel mondo quella che compone l’artista israeliana Iris Nesher. Qui la carne si fa sostanza. E non è un caso che proprio Materia sia il titolo di questa straordinaria mostra curata da Raffaella Frascarelli a Roma da Nomas Foundation.
Materia, quella che il divino nell’Antico Testamento insuffla nella terra e il verbo si fa donna ignorando il maschio, quella che gli artisti usano nell’atto della creazione, quella con cui la mamma, usando il ventre come cosmo, dà luce alla vita. C’è una connessione semplice e tuttavia misteriosa tra sacro, maternità e arte. Nella mostra a Roma è evidente, pur senza troppe esplicitazioni.

Iris Nesher, Broken Vessels, 2022, Limoges porcelain. Courtesy of the artist
Iris Nesher, Broken Vessels, 2022, Limoges porcelain. Courtesy of the artist

LE OPERE DI IRIS NESHER IN MOSTRA A ROMA

La galleria dei ritratti che la Nesher mette in fila è appassionante e narrativa. Un libro per immagini con le storie di donne che hanno scelto, non scelto, si sono ritrovate, tutte le strade possibili, pezzi di vita che parlano di storia e di presente attraverso fotografie e video. E anche ceramica, lasciando che il femminile collettivo (qui un gruppo di scrittrici, studiose, musiciste, artiste) si riunisca dando sfogo a una pratica collettiva di creazione di strumenti nella tradizione muliebri, qui reinterpretati nella logica di una rivendicazione contemporanea, con le loro ferite, i tagli, le cicatrici ben evidenti, ma anche restituiti alla loro funzione di condivisione. Un piatto, una tazza, un vaso sbreccato sono le stoviglie di un’ultima cena, dove i convitati sono tutti insieme, soffrono insieme e sono tutti donne.

Iris Nesher, Out of Time. Ari in Santa Maria Maggiore Church in Bergamo, Italy
Iris Nesher, Out of Time. Ari in Santa Maria Maggiore Church in Bergamo, Italy

LA STORIA DI ARI

Il tema della Pietà torna nelle foto (lo scatto Akudim è michelangiolesco) e nel confronto tra vita e morte. C’è il video Healing che ritrae la poetessa Hedva Harechavi e il suo senso della perdita, affrontato però in chiave vitalistica, ricordando un po’ la Joan Didion de L’anno del pensiero magico. E poi c’è l’opera Out of Time, il capolavoro che dà un senso a tutta la mostra, uno slide show di immagini che ritraggono Ari, il figlio adolescente dell’artista recentemente scomparso, nei viaggi con la famiglia nei musei del mondo, nei momenti di pausa o quando il ragazzo si abbandona alla stanchezza dopo una lunga scarpinata. Un inno di amore e di dolcezza, un piccolo grande film della vita di tutti noi, il coraggio di una madre che non ha paura di concludere la carrellata delle storie presentate con la propria, mettendosi a nudo, il gesto sacro dell’artista che ridona la vita, strappa la propria carne alla morte e consegna il piccolo Ari all’eternità.

Santa Nastro

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoIris Nesher - Materia
Vernissage10/02/2022 ore 11
Duratadal 10/02/2022 al 29/04/2022
AutoreIris Nesher
CuratoreRaffaella Frascarelli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoNOMAS FOUNDATION
IndirizzoViale Somalia 33 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è caporedattore di Artribune. È Responsabile della Comunicazione di FMAV Fondazione Modena Arti Visive e della Fondazione Pino Pascali. Collabora con Fondazione Pianoterra Onlus a Roma. È stata inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli. Dal 2006 al 2011 è stata Segreteria Scientifica del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.