Sette protagonisti del mondo dell’arte interpretano mantra al Museo di Belluno

Fino al 12 giugno la vetrina del Museo Burel di Belluno torna a dialogare con i suoi cittadini, riattivando una pratica interrotto dalle recenti restrizioni nazionali.

Concepito in un momento di piena stasi culturale per il nostro Paese, il progetto Mantra for a City si avvale della presenza di sette attori di fama internazionale del mondo dell’arte (il curatore britannico Shumon Basar, Meriem Berrada, Francesco Bonami, la giovane illustratrice libanese Tracy Chahwan, Andrea Lissoni, Luca Lo Pinto e András Szántó) per restituire settimanalmente un mantra dedicato a tutti i cittadini di Belluno. Abbiamo intervistato Daniela Zangrando, direttrice del Museo Burel, nonché curatrice del progetto.

Qual è il tuo concetto di mantra e perché credi sia importante accoglierlo soprattutto in un periodo simile?
Mi riferisco al mantra come a un pensiero ridotto ai minimi termini, in cui niente viene perso della complessità della visione di partenza, e l’energia rimane, intatta.
Abbiamo tutti dei mantra, anche se magari alle volte non li definiamo in questo modo. Uno screenshot preso dalla scena di un film, delle frasi sottolineate su un libro o trovate per caso e condivise in una storia Instagram. Qualche parola che ci ripetiamo in situazioni di difficoltà – come esortazione al coraggio, alla calma… – o che magari ci rimane impressa in testa per una particolare sonorità. In un periodo dominato da sfrenate immagini di pericolo e solitudine, credo che l’idea di mantra possa essere uno strumento, personale e collettivo.

Come pensi stia reagendo la città di Belluno a questa iniziativa?
Qualche giorno fa una signora mi ha fermato lungo la via che porta al museo per raccontarmi che tutte le settimane fotografa la vetrata e spedisce via messaggio il mantra alle amiche. C’è chi sosta lì di fronte per un attimo dopo un giro in moto, chi ci arriva in bici. Chi fa sapere al museo qual è il mantra che preferisce e perché.
E c’è chi passa davanti alla vetrata continuando a tenere la testa bassa, immerso nei propri pensieri. Come ha detto in una recente intervista Meriem Berrada, direttrice del Museo MACAAL di Marrakech, “dobbiamo instillare l’abitudine dell’andare al museo tra i nostri visitatori”. È un processo lungo e articolato.

Daniela Zangrando. Mantra for a City. Installation view at Museo Burel, Belluno 2021
Daniela Zangrando. Mantra for a City. Installation view at Museo Burel, Belluno 2021

BELLUNO E I MANTRA AL MUSEO

Come è avvenuta la scelta dei soggetti da coinvolgere nel progetto?
Molto istintivamente, come quando chiamo un artista a partecipare a una mostra. Avevo la totale fiducia che ognuno di loro avrebbe potuto condividere con il museo una visione forte, vera, diretta, urgente. E sono diventati per me irrinunciabili.

Il font che è stato deciso per l’identità grafica di Mantra for a City è il Freak Grotesk Next, progettato dalla Scuola Open Source di Bari. Cosa ti ha fatto propendere per una soluzione simile e quali ragionamenti ti hanno portata all’attuale estetica che caratterizza l’intera manifestazione?
Quando ho iniziato a pensare al progetto, tra le altre cose, stavo guardando molto all’impatto di alcune frasi del profilo Instagram di Douglas Coupland o a quello delle parole che avevano resistito alle intemperie e si mostravano sui tabelloni pubblicitari svuotati dalla pandemia. Mi piaceva, in entrambi i casi, un’attitudine, radicale e semplice al contempo, all’esserci. E una certa apertura alle possibilità di lettura. Ho messo tutti i pensieri nelle mani di Paolo Tirelli, grafico del museo. E le vetrate nascono dal confronto tra le parole che ci hanno affidato i partecipanti, i nostri immaginari, e il suo costante lavoro.

Se fossimo noi a chiederti di dedicarci un mantra, quale sarebbe il tuo suggerimento?
Ne ho vari che resistono da anni, ma in questo periodo sono abbastanza ossessionata da quelli che fanno capolino al museo. Negli ultimi mesi mi è ronzato spesso in testa anche “Kiss it quick and raise again”, preso da una traccia post-punk. Oggi vi dedicherei questo.

Valerio Veneruso

www.burel.org

Dati correlati
CuratoreDaniela Zangrando
Spazio espositivoMUSEO BUREL
IndirizzoVia mezzaterra 49 - Belluno - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.