Risorgimento Milan Virtual Art Summer: Massimo De Carlo apre alle gallerie lo spazio virtuale

Dopo aver inaugurato la quinta sede espositiva, il Virtual Space, Massimo De Carlo mette a disposizione di cinque spazi milanesi la propria piattaforma digitale. Dando vita a una “virtual summer” all’insegna dell’arte

Massimo De Carlo Virtual Space
Massimo De Carlo Virtual Space

In attesa di conoscere le disposizioni che il Consiglio dei Ministri varerà nell’ambito dell’atteso decreto sulle riaperture che entrerà in vigore dal 18 maggio, il mondo dell’arte italiano – e anche quello internazionale – continua a percorrere la strada del web, intrapresa dallo scorso marzo a seguito dello scoppio della pandemia da Coronavirus. Mostre virtuali, biennali digitali, piattaforme di vendita online, dirette social, video e podcast sono stati e continuano a essere gli strumenti e i canali maggiormente utilizzati da musei, gallerie e fiere per promuovere collezioni, esposizioni e programmi nonostante il lockdown ma anche dopo, considerato che il clima di incertezza e l’impossibilità di viaggiare non facilitano, almeno per il momento, l’organizzazione di mostre e grandi eventi. In questa temperie, non è difficile quindi immaginare che anche nella “fase 2” il mondo dell’arte troverà ancora un valido alleato nelle tecnologie digitali: è questo il caso di Massimo De Carlo, tra i galleristi più influenti al mondo con sedi a Milano, Londra e Hong Kong, che di recente ha aperto un quinto spazio virtuale, il Massimo De Carlo Virtual Space. Una galleria in realtà virtuale, che De Carlo ha deciso di mettere a disposizione di cinque spazi espositivi milanesi nell’arco di tutta l’estate, dando così vita al progetto Risorgimento Milan Virtual Art Summer.

Massimo De Carlo Virtual Space
Massimo De Carlo Virtual Space

“RISORGIMENTO MILAN VIRTUAL ART SUMMER”, IL NUOVO PROGETTO DI MASSIMO DE CARLO

Con Risorgimento Milan Virtual Art Summer, De Carlo mette a disposizione di cinque spazi artisti milanesi – Fanta-MLN, ICA Milano, Galleria Francesca Minini, Galleria Federica Schiavo, Galleria Federico Vavassori, il proprio Virtual Space, dando loro la possibilità di organizzare mostre in totale autonomia. Il Virtual Space di De Carlo si appresta così a diventare una piattaforma in cui sperimentare stili e linguaggi artistici, un luogo d’incontro e confronto che offre uno spaccato della realtà culturale del capoluogo lombardo. I cinque spazi potranno così usufruire del Virtual Space, in cui il rendering 3D di realtà virtuale in real-time processa una grande quantità di immagini 3D ad alta velocità, permettendo allo spettatore-visitatore di avere un’esperienza realistica e interattiva, entrando così in contatto con le opere e con lo spazio (virtuale) in cui esse si trovano.

“RISORGIMENTO MILAN VIRTUAL ART SUMMER”. IL PROGRAMMA

L’“estate virtuale milanese” si svolgerà dal 9 giugno al 16 agosto, e inaugurerà con Fanta-MLN, online fino al 21 giugno; sarà poi la volta di ICA (dal 23 giugno al 5 luglio), Galleria Francesca Minini (dal 7 al 19 luglio), Galleria Federica Schiavo (dal 21 luglio al 2 agosto) e Galleria Federico Vavassori (dal 4 al 16 agosto).

– Desirée Maida

www.massimodecarlo.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.