La punizione, il peccato, l’attesa e l’immagine. Simone Pellegrini a Prato

Museo di Palazzo Pretorio, Prato – fino all’8 settembre 2019. Passato e segni arcaici rivivono nell’opera di Simone Pellegrini, che li riattualizza inserendoli in una riflessione dal sapore contemporaneo.

Simone Pellegrini, Compluvio, 83 x 135 cm, 2019
Simone Pellegrini, Compluvio, 83 x 135 cm, 2019

Segni graffiti del passato si pongono come punto di riferimento per una lettura delle memorie di un edificio storico che nei secoli ha subito stratificazioni, cambi di destinazione e ha ospitato la vita di persone diverse, fino a diventare museo. Questo lo spunto da cui parte la mostra di Simone Pellegrini (Ancona, 1972), nell’ambito del progetto Pretorio Studio, che dal 2016, a cura di Veronica Caciolli, si pone come un’indagine trasversale sulle pieghe del tempo, aprendo il Museo di Palazzo Pretorio a Prato e la sua storia all’intervento e alla riflessione di artisti contemporanei.
Sincronismo o anacronismo dell’arte e nell’arte? Pellegrini risolve naturalmente l’urgenza odierna di questa riflessione riallacciando con la sua ricerca i fili di un passato arcaico, di un universo di segni atavico e archetipico, che rende visibile l’assente, l’invisibile: l’uomo e la memoria che ne sostanzia l’essenza.

Simone Pellegrini, Passato in giudicato, installation view at Museo di Palazzo Pretorio, Prato 2019, photo Ivan D'Alì
Simone Pellegrini, Passato in giudicato, installation view at Museo di Palazzo Pretorio, Prato 2019, photo Ivan D’Alì

LA MOSTRA

Il titolo della mostra – Passato in giudicato – fa riferimento ai segni incisi (XIV sec.) su una delle pareti al primo piano del palazzo, tracciati dagli imputati in attesa di sentenza: interpretata come paradigma del drammatico e lacaniano distacco della parola dalla cosa, diventa origine segnica per creare nessi, interazioni e intersezioni nel flusso della vita e della storia. Le opere-palinsesto di Pellegrini, che si nutrono di una poetica del frammento, compongono complessi universi di un inconscio collettivo e individuale al tempo stesso, in cui ogni apparente centro è parte di un insieme coerente e necessario, costruito per nessi correlati. Le figure, che richiamano elementi organici e ornamentali, sono monotipi stampati con un martelletto di acciaio su supporti cartacei, che vengono poi strappati e ricomposti sul supporto principale. Mantengono così una forte componente materica ruvida, partecipe anch’essa dell’effetto di reperto della memoria che suggeriscono. La selezione di opere presentate va dal 2013 a oggi, con un lavoro (Bordo della cortina estrema) realizzato appositamente per la mostra, e mostra gli esiti dell’ultima produzione di Pellegrini.
Passato in giudicato, allestita nello spazio a pian terreno dal quale si accede al museo, si offre come introduzione e conclusione della visita alla collezione del Pretorio, rivitalizzando il museo come spazio degli orizzonti incrociati.

Alessandra Frosini

Evento correlato
Nome eventoSimone Pellegrini - Passato in giudicato
Vernissage10/07/2019 ore 19
Duratadal 10/07/2019 al 08/09/2019
AutoreSimone Pellegrini
CuratoreVeronica Caciolli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEO DI PALAZZO PRETORIO
IndirizzoPiazza del Comune, 1 - Prato - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandra Frosini
Alessandra Frosini è critica e curatrice di mostre d'arte contemporanea. Laureata in Storia dell'Arte Medievale presso l’Università degli Studi di Firenze e specializzata in museologia e in management culturale, dal 2009 ha collaborato con musei, istituzioni, società e gallerie d'arte in Italia e all’estero per numerose mostre ed eventi, portando avanti una personale riflessione sul concetto di memoria. Scrive per testate d’arte quali ArsKey, Artribune, Espoarte, Juliet Art magazine, oltre che per cataloghi e riviste. È docente di museologia e museografia in master sull’organizzazione di eventi culturali e consulente per la compravendita di opere d’arte per privati, case d’asta e fondi d’investimento in arte. Fra le ultime collaborazioni come critico si segnala la partecipazione come giurato al Canova Art Prize di New York, mostra “Giorgio De Chirico and Giorgio Morandi. Rays of Light in Italian Modern Art” al Modern Art Museum di Shanghai, la mostra “Polixeni Papapetrou | Between worlds” per il Photolux Festival, e la doppia personale di Angelo Brescianini e Beatrice Gallori all’Aria Art Gallery di Istanbul.