Spazio e rivelazioni. Nunzio a Napoli

Casamadre, Napoli – fino al 28 aprile 2018. Piombo e legno combusto per la prima personale napoletana di Nunzio Di Stefano. Capisaldi noti ma nuovi, ancora incomprensibili e miracolosi.

Nunzio (Cagnano Amiterno, 1954), 2018: sorgono in galleria realtà preesistenti, una distesa straniera. Le sculture lignee trattate con la fiamma ossidrica della prima sala godono della tridimensionalità e conquistano dalle pareti lo spazio antistante. Foresta fossile, resti di civiltà trapassate, fascino alieno da monolito di Kubrick. Il nero assorbe la luce, attrae. Le aperture sulle superfici, pagine prefigurate, rivelano ombre e colori e si rivelano allusioni visive, stargate verso l’altrove. Giallo, blu, grigio. Restituzioni dal buio combusto, invito a ridestarsi che è alba dopo la notte. Nella sala successiva rivelazioni ulteriori. Forme geometriche bidimensionali, eternate nel piombo. Qui matrici mute, ritmi obliqui tra scanalature verticali, tracce sulle pareti. In un altro universo immagini solide e tangibili, diffuse nello spazio. Dimensioni invisibili e ipotetiche, livelli più profondi della realtà.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoNunzio - Giallo di Napoli Nero Pece Blu Cobalto
Vernissage22/02/2018 ore 19,30
Duratadal 22/02/2018 al 28/04/2018
Autore Nunzio
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCASAMADRE
IndirizzoPiazza dei Martiri 58, Palazzo Partanna - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.