Parte col botto la stagione dell’arte a Torino. Ecco dove andare per Ouverture

Ad Ouverture, il tradizionale opening collettivo delle gallerie associate in TAG – Torino Art Galleries, si aggiunge per il secondo anno consecutivo il vernissage della rete degli spazi no-profit torinesi riuniti nella piattaforma Colla. La sera del 21 settembre inaugurano tutti insieme per un evento condiviso senza precedenti. Ecco l’elenco delle mostre da non perdere.

Michela Depetris, The Oval Portrait, 2012, fotografia polaroid, dimensioni ambientali, Burning Giraffe Art Gallery
Michela Depetris, The Oval Portrait, 2012, fotografia polaroid, dimensioni ambientali, Burning Giraffe Art Gallery

Torna Ouverture, il tradizionale opening collettivo che apre la nuova stagione espositiva di una dozzina di gallerie torinesi (tra cui Norma Mangione, Alberto Peola, Franco Noero, Giorgio Persano, Guido Costa, Riccardo Costantini) associate in TAG – Torino Art Galleries. In contemporanea, la sera del 21 settembre, torna anche COLLA, la piattaforma progettuale che riunisce gallerie e spazi no profit torinesi e non solo, questa volta con un’unica mostra da Burning Giraffe Art Gallery. Ogni sei mesi, a rotazione, ognuna delle realtà che formano COLLA (la stessa Burning Giraffe, Galleria Moitre, Fusion Art Gallery, Metroquadro e Spazio Ferramenta) ospita un progetto ideato e curato dall’intero gruppo, che coinvolge un artista per spazio espositivo. Per la prima volta, oltre ai cinque membri fondatori, alla mostra parteciperà anche BI-BOx Art Space, di Biella, a sottolineare l’intenzione di allargare la piattaforma al di fuori dei confini della città di Torino.

-Claudia Giraud

1. GABRIELE ARRUZZO ALLA GALLERIA PEOLA

Gabriele Arruzzo, Arcadia, Alberto Peola

La Galleria Peola presenta un nuovo ciclo di opere di Gabriele Arruzzo (Roma, 1976), intitolato Arcadia, che l’artista ha realizzato in due anni. “Un anacronismo al quadrato nel panorama più glamour dell’arte italiana”, scrive il nostro Marco Enrico Giacomelli nel testo critico di presentazione, “dove essere pittore non aiuta, e dove essere un pittore colto aiuta ancor meno”. Prosegue, così, la sua ricerca nella pittura, ma con una svolta sia a livello tecnico che di contenuto. Alla staticità dei dipinti precedenti segue una nuova mobilità, mentre ogni riferimento all’attualità scompare cedendo il passo alla nostalgia per le tematiche bucoliche.

Gabriele Arruzzo – Arcadia /21 settembre – 28 ottobre 2017
Galleria Alberto Peola,
Via della Rocca n. 29, Torino
www.albertopeola.com

2. DIALOGHI DA GAGLIARDI E DOMKE

Dialoghi, Gagliardi e Domke

Dialoghi è una mostra che mette in relazione le opere presenti nella collezione privata del gallerista Pietro Gagliardi al quale, dal 2015, si è affiancato nella direzione Christian Domke, e opere di artisti rappresentati dalla galleria. Molte delle opere in mostra sono inedite. Il percorso espositivo si completa con le opere di alcuni artisti esterni alla galleria come Fabio Viale, Carlo Steiner, Davide Coltro.

Dialoghi/ 21 settembre – 20 ottobre 2017
Gagliardi e Domke, Via Cervino 16
www.gagliardiedomke.com

3. TRENT’ANNI DELLA GALLERIA IN ARCO

Trent’anni, in arco

La Galleria In Arco di Torino festeggia il trentennale dell’attività espositiva con la mostra collettiva Trent’anni. Trenta opere di altrettanti artisti esposti negli anni prima in un piccolo spazio seminterrato in via Palazzo di Città, poi in via Cesare Battisti e infine nell’attuale centralissima piazza Vittorio. In mostra opere di Stefano Arienti, Salvo e Andy Warhol. 

Trent’anni / 21 settembre – 20 gennaio 2017
Galleria In Arco,
P.zza Vittorio Veneto n. 3

www.in-arco.com

4. NUOVA LOCATION PER LUCE GALLERY

Balkenhol_Black and White, Luce Gallery

Inaugura la nuova sede espositiva di LUCE GALLERY a Torino con la mostra No evidence of sign  in cui sono esposte le opere di Sthephan Balkenhol, Hugo McCloud, Margo Wolowiec e Chriss Hood. I quattro artisti danno vita a diverse interpretazioni del gesto artistico utilizzando tecniche tra di loro differenti.

Stephan Balkenhol, Hugo McCloud, Margo Wolowiec Chris Hood – No Evidence of Sign / 21 settembre – 27 ottobre 2017
Luce Gallery, Largo Montebello n. 40, Torino
www.lucegallery.com

5. GLI ANGOLI DELLA GALLERIA NORMA MANGIONE

La galleria di Norma Mangione

La mostra Corners / In Between, curata da Eva Brioschi, gioca sul senso del vuoto e del pieno, del negativo e del positivo, dei passaggi e delle cavità. E soprattutto sugli angoli che delimitano l’arena in cui ogni artista coinvolto – da Francesco Arena a Maurizio Nannucci fino a Rosemarie Trockel – mette in scena il proprio racconto, occupando uno spazio, misurandosi con esso, attraverso il proprio corpo e il pensiero.

Corners / In Between /21 settembre – 28 ottobre 2017
Norma Mangione, Via Matteo Pescatore n. 17, Torino
www.normamangione.com

6. GIOVANNI GASTEL DA PHOTO&CONTEMPORARY

GASTEL SHIUZE Milano 1997, Photo&Contemporary

Cultore della sperimentazione e delle Polaroid, Giovanni Gastel (Milano, 1955) ha introdotto nella fotografia di moda e nel ritratto alcune modalità espressive che sono diventate la sua  peculiarità come le tecniche “old mix”, “a incrocio”, le rielaborazioni pittoriche e i sorprendenti accostamenti di oggetti nello still-life. Una ricca selezione di queste particolari fotografie realizzate tra gli anni 1981 e 1997, e già presentate al Palazzo della Triennale di Milano nell’autunno del 1997 in una mostra curata da Germano Celant, sono esposti in questa personale curata da Nicola Davide Angerame.

Giovanni Gastel – Vintage Polaroids 1981-1997 / Fino al 28 settembre
Photo&Contemporary, Via dei Mille 36, 10123
www.photoandcontemporary.com

7. ELENA MODORATI E SIMONE SCARDINO DA RAFFAELLA DE CHIRICO

Brevima dies, Raffaella De Chirico Arte Contemporanea

Nella sala principale della galleria, Elena Modorati (Milano, 1969) presenta Comfort zone, con installazioni di cera, carta, inchiostro, nello spazio centrale della galleria, mentre, nella Project room, Simone Scardino (Torino, 1995) con l’opera Solstizio d’ Estate registra come un calendario cromatico la giornata solare più lunga dell’anno, con una durata complessiva di 15 h e 45’.

Elena ModoratI, Comfort Zone – Main Gallery / Simone Scardino, Solstizio d’estate – Project room/ 21 settembre – 28 ottobre 2017
Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Via Giolitti, 52 | Via della Rocca, 19
www.dechiricogalleriadarte.com

8. FERDI GIARDINI DA RICCARDO COSTANTINI

Ferdi Giardini, Riccardo Costantini

Riccardo Costantini Contemporary presenta la mostra dell’artista Ferdi Giardini (Torino, 1959) InnSaei, titolo ispirato al film islandese: InnSaei, The power of Intuition. La mostra è un progetto site specific con sculture leggere e sottili, alcune delle quali luminose, di differenti forme e dimensioni che sembrano “disegni” nello spazio.

Ferdi Giardini – InnSaei / 21 settembre – 28 ottobre 2017
Riccardo Costantini Contemporary, Via Giolitti 51
www.rccontemporary.com

9. L’ARTE DEL RAMMENDO DA WEBER & WEBER

Weber & Weber

Nella mostra intitolata Mending (rammendo), Greta Pasquini,  ex architetto presso lo studio di Renzo Piano, insegue le tracce dei movimenti ritmici e catartici del cucire, del bendare, del legare. È la riparazione intesa come un atto volontario che non cancella il danno ma lo sublima in storia offrendogli un nuovo senso.

Greta Pasquini – Mending / 21 settembre – 21 ottobre 2017
Weber & Weber, Via San Tommaso n. 7
www.galleriaweber.it

10. DANY VESCOVI ALLA GALLERIA FEBO E DAFNE

Dany Vescovi Campo 4 120×150 T.m. su lino 2015a low, Febo e Dafne

Dany Vescovi (Milano, 1969) inaugura la sua mostra personale Argentum Nebula. In mostra alcuni grandi dipinti a tecnica mista su tela di lino che sono exempla della particolare sintesi di figurazione e astrattismo geometrico che caratterizza la pittura di Dany Vescovi. Accanto ad essi alcuni lavori inediti realizzati con materiali e pigmenti opalescenti o metallici su carta.

Dany Vescovi – Argentum Nebula / 21 settembre – 31 ottobre 2017 
Galleria Febo e Dafne, Via della Rocca, 17
www.feboedafne.org

11. IL PROGETTO COLLA DA BURNING GIRAFFE ART GALLERY

Michela Depetris, The Oval Portrait, 2012, fotografia polaroid, dimensioni ambientali, Burning Giraffe Art Gallery

La nuova mostra del progetto Colla, Visioni d’interno, sviluppa due sguardi paralleli: da un lato, uno sguardo fotografico o pittorico che cattura interni di luoghi fisici come stanze d’albergo, o interni di fabbriche abbandonate, dall’altro uno sguardo introiettato, che cattura espressioni e moti più intimi che scaturiscono dall’animo umano. La somma degli sguardi dei sei artisti presenti in mostra (Anna Capolupo, Michela Depetris, Serena Gamba, Alessandra Maio, Erwin Olaf, Ettore Pinelli) disegna un panorama dell’interiorità umana, e dei suoi luoghi, complesso e coinvolgente, attraverso un’ampia e diversificata gamma di linguaggi espressivi.

Visioni d’interno / 21 settembre – 14 ottobre 2017
Burning Giraffe Art Gallery, Via Eusebio Bava, 8/a
www.bugartgallery.com

12. GLI ESPERIMENTI DI ANGELO CANDIANO DA GUIDO COSTA PROJECTS

La Galleria di Guido Costa

Light in room for a very long time… è il capitolo finale dell’esperimento teorico-fotografico di Angelo Candiano (Modica, 1962), che espone una serie di opere seminali della ricerca dell’artista accanto a lavori più recenti. La mostra è una sorta di disvelamento di quanto negli anni si è andato via via a sedimentare sulla carta fotosensibile e si propone perciò come una sorta di postfazione non soltanto alla prima parte della mostra, ma, nel suo insieme, all’universo poetico e rarefatto dell’artista. E’ una rara occasione per confrontarsi con una delle ricerche più sofisticate e radicali del panorama fotografico attuale.

Angelo Candiano – Light in room for a very long time… / 21 settembre – 7 ottobre 2017
Guido Costa Projects, Via Giuseppe Mazzini 24
www.guidocostaprojects.com

13. LA NUOVA VETRINA DI GIORGIO GALOTTI

Alley – Thomas Kratz, GRGLT Vetrina

In occasione dell’opening collettivo delle gallerie torinesi, Giorgio Galotti inaugura una piccola Vetrina nel centro storico di Torino come project room della sua galleria. La vetrina sarà dedicata al programma – per stagioni – della project room Alley avviata nello spazio precedente, aggiungendosi alla programmazione regolare della galleria di Via Beinasco. Per l’autunno, Thomas Kratz è stato invitato a presentare la prima opera che occuperà l’intera superficie con due monocromi sulle vetrate originali, alludendo a due ritratti macroscopici che riproducono i toni della pelle di due persone.

Alley – Thomas Kratz/ Fino al 15 dicembre
GRGLT – VETRINA, Via S.Francesco da Paola 12
http://giorgiogalotti.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).