Made in Filandia 2017. Il racconto di Maura Banfo

“Un luogo inventato da artisti per costruire occasioni di approfondimento diretto dell’arte di loro stessi”. Così si presenta Made in Filandia, spazio che è un unicum in Italia. Le residenze di quest’anno hanno visto fra i partecipanti anche la torinese Maura Banfo. A lei e alla sua macchina fotografica abbiamo chiesto di raccontare l’atmosfera di quel luogo magico nell’aretino.

Madeinfilandia 2017. Photo (c) Maura Banfo
Madeinfilandia 2017. Photo (c) Maura Banfo

Ci sono luoghi dove ti senti a casa, dove hai la sensazione di esserci sempre stato.
Ecco, questa è stata la sensazione che ho provato arrivando alla Filanda.
Ad accogliermi un piatto fumante, un bicchiere di ottimo vino e una tavolata di persone sorridenti, tra cui Elena, Pietro, Loredana, Luca, Alessio, Lorena… e in cielo una Luna splendente.
Madeinfilandia è un luogo inventato da artisti per artisti per costruire occasioni di approfondimento diretto dell’arte e di loro stessi”. Si trova presso la Filanda di Pieve a Presciano, in provincia di Arezzo.
Da circa un anno sto lavorando a un progetto sull’ascolto, sulla necessità di mettersi in connessione con se stessi e con gli altri, e viceversa. Qui in Filanda ho trovato spazio per l’ascolto attraverso il silenzio, tema dell’edizione della residenza di quest’anno.
Giorni a contatto con la natura, il silenzio, il tempo, gli artisti in residenza, 24 ore su 24, in un continuo stare in uno spazio senza mai calpestarsi, condividendo emozioni e progetti in costante crescita e confronto.

Madeinfilandia 2017. Photo (c) Maura Banfo
Madeinfilandia 2017. Photo (c) Maura Banfo

In residenza la convivenza “forzata” assume un aspetto molto speciale soprattutto quando si forma un gruppo unito e armonioso e i giorni filandesi ci hanno regalato momenti davvero indimenticabili. Sono esperienze che mettono alla prova sotto più punti di vista. Tendenzialmente privilegio umano, lo stare insieme nella condivisione: ci si mette in gioco, anche un po’ a nudo, si lascia spazio alle emozioni senza filtri. Non amo la competizione (a parte al tennis!) e questo di sicuro mi permette di trovare sempre territori di confronto con totale tranquillità. Sento l’esigenza più che mai di condividere energie, di creare sinergie in evoluzione, non per vivere momentaneamente un “palco”, come spesso accade, ma dare continuità, attraverso l’arte e i rapporti stessi. Non contenitori chiusi, ma espressioni che si estendono senza limiti di possibilità. E niente più della natura può darti questa idea quasi di infinito. La Filanda è natura nella natura.
Mi piace ascoltare e vivere le modalità con le quali l’artista stesso si racconta, come sente e descrive il proprio stare al mondo, anche al di là e oltre l’opera.
Il tempo in Filanda scorre tra momenti di lavoro e momenti di incontro, dal rituale del caffè la mattina alla cena tutti insieme, dalla partecipazione a progetti altrui al confronto con i propri, ad attimi di totale solitudine e silenzio. Nulla è schematico né programmato, tutto accade perché deve accadere, in totale libertà e rispetto reciproco.
Sono stati giorni intensi, accompagnati da una Luna sempre presente.

Maura Banfo, Variazioni senza tema, 2017
Maura Banfo, Variazioni senza tema, 2017

Variazioni senza tema, è il titolo del lavoro che ho realizzato, un diario intimo nel silenzio e nella natura, un’installazione di Polaroid in bianco e nero scattate in vari momenti della giornata, sempre sullo stesso scorcio. Mi sono immersa nel luogo attraverso il lavoro senza alcuna difficoltà; anzi, inaspettatamente è accaduto tutto da sé: ho incorniciato visivamente un’immagine, un tavolo e, dietro, lo spazio “infinito” della natura. Non ho avuto bisogno di altro per sentire quel silenzio attraverso lo scandire del tempo. La variazione della luce e delle ombre ha segnato le ore, i giorni, proprio davanti a me, e con un rituale senza tempo ho scattato con la stessa immediatezza che la macchina Polaroid ti permette di fare. Ho seguito le emozioni, quasi in modo introspettivo.
Durante la mia permanenza ho anche realizzato dei ritratti per un progetto in divenire al quale sto lavorando. Sottoposti al mio obiettivo, i “filandesi” sono stati grandiosi e disponibili! Grazie davvero a tutti per questa settimana di condivisione, di attimi speciali, di silenzi, di grandi sorrisi e di magici incontri, di musica, di chiacchierate notturne, di arte, di natura… e di tutto ciò che ci ha uniti.

– Maura Banfo

www.madeinfilandia.org

Madeinfilandia 2017
Con Maura Banfo, Chiara Bettazzi, Stefano Boccalini, Loris Cecchini, Ermanno Cristini, Alessio de Girolamo, Matteo Fato, Sophie KO, Filippo Leonardi, Luca Pancrazzi, Leonardo Pivi, Alessandra Spranzi, Giovanni Termini, Mattia Costa, Loredana Longo, Lorena Viale

Evento correlato
Nome eventoMadeinfilandia 2017
Vernissage02/09/2017 ore 17
Duratadal 02/09/2017 al 03/09/2017
Generearte contemporanea
Spazio espositivoMADEINFILANDIA
IndirizzoLoc. Filanda, Via Migliari, Pieve a Presciano 52020 - Pergine Valdarno - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.