Percepire il mondo a piedi. Hamish Fulton a Venezia

Galleria Michela Rizzo, Venezia – fino al 15 luglio 2017. La mostra personale di Hamish Fulton racconta quattro delle sue celebri camminate. Mettendone in luce le componenti percettive.

Era il 1967 quando Hamish Fulton (Londra, 1946), durante un viaggio in autostop con gli amici, iniziò a documentare i propri spostamenti, avviandosi verso quella pratica artistica che diventerà la sua cifra stilistica più riconoscibile, ovvero le “camminate”. Egli ha infatti rinnegato un’idea statica dell’opera d’arte, a favore di azioni coinvolgenti e dinamiche dove il corpo entra in contatto con il paesaggio. La Galleria Michela Rizzo di Venezia presenta i lavori che, sotto varie forme mediali (wallpaper, fotografie, disegni), documentano quattro camminate compiute dell’artista: dalla salita alla vetta della Marmolada nel 2004 alla suggestiva camminata collettiva con 216 partecipanti a Palazzo Ducale a Venezia, seguendo le linee architettoniche e i segni dell’edificio. L’approccio estetico dell’artista britannico si manifesta nella dimensione fisica, elevata a strumento di percezione, osservazione e profonda comprensione del reale.

Carlo Sala

Evento correlato
Nome eventoHamish Fulton
Vernissage10/05/2017 ore 18
Duratadal 10/05/2017 al 15/07/2017
AutoreHamish Fulton
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MICHELA RIZZO - EX BIRRERIA GIUDECCA
IndirizzoGiudecca 800 Q, Vaporetto fermata Palanca - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Carlo Sala
Carlo Sala (Treviso, 1984), critico d'arte, curatore e docente al Master in Photography dell'Università IUAV di Venezia. È membro del comitato curatoriale della Fondazione Francesco Fabbri Onlus per cui si occupa della curatela scientifica del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee e del festival F4 / un’idea di Fotografia. Nel 2010 ha curato con Nico Stringa il Padiglione Venezia alla 12. Mostra internazionale di Architettura, People meet in architecture, Biennale di Venezia. Collabora come curatore indipendente con realtà museali e con gallerie private. Suoi saggi e testi critici sono apparsi in varie pubblicazioni edite, tra gli altri, da Allemandi, Marsilio, Mimesis, Bruno Mondandori e Skira.