Prima trasferta estera per I Martedì Critici. In viaggio verso l’Egitto con Aron Demetz

Ottavo anno di vita per il fortunato ciclo di talk con artisti e professionisti del mondo dell’arte. E per la prima volta si vola oltreconfine. In compagnia di uno scultore italiano.

Aron Demetz
Aron Demetz

Nuova stagione per I Martedì Critici, ormai un’istituzione per il mondo dell’arte contemporanea in Italia, grazie alla frequentatissima serie di talk con artisti, architetti, galleristi, storici dell’arte, collezionisti. Nomi di peso, con carriere importanti, oppure mid career già lanciati sulla scena internazionale.
Ideati nel 2009 da Alberto Dambruoso, affiancato nella conduzione da critici sempre diversi, I Martedì Critici quest’anno tornano in alcune sedi romane già calcate in passato, dal Ministero degli Affari Esteri all’Accademia Reale di Spagna e all’Accademia di Belle Arti.
Ma la novità del 2017 riguarda il primo passaggio all’estero: il prossimo 11 aprile il progetto sarà ospite dell’Istituto di Cultura del Cairo. Occasione importante, che potrebbe prefigurare l’inizio di una diffusione oltreconfine per un “brand” tutto italiano. Gli Istituti di Cultura, in tal senso, restano interlocutori preziosi.

Aron Demetz
Aron Demetz

UN ALTOATESINO IN EGITTO

E a battezzare la trasferta egiziana è lo scultore altoatesino Aron Demetz (Vipiteno, 1972), noto per la sua produzione pregna d’ispirazioni tradizionali – tra la predilezione per il legno e l’iconografia fedelmente figurativa – ma con un sapore contemporaneo. I suoi soggetti, donne e uomini, adolescenti o adulti, vivono un’incompiutezza formale che racconta una maniera di trattare la materia lontana dai codici accademici. A guidare la mano è dunque una continua sperimentazione, che include ad esempio l’uso di resine vegetali e di combustioni. Silenziose, icastiche, monumentali eppure misteriosamente fragili, le figure lignee di Demetz sono al centro di un teatro dello spaesamento e della solitudine, chiuse in sé stesse e insieme esposte allo sguardo, con le loro scorticature, grinze, ferite, scalfiture. Nel conflitto costante tra porzioni di corpo finemente levigate e altre in radicale mutazione.

– Helga Marsala

I Martedì Critici – Aron Demetz
a cura di Alberto Dambruoso e Paolo Sabbatini
11 aprile 2017, ore 19
Istituto Italiano di Cultura
3, El Sheikh El Marsafi St. Zamalek, Il Cairo
www.imartedicritici.com
www.iiccairo.esteri.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.