Siena e Uffizi più vicine grazie all’arte. Nel segno di Daniele da Volterra

Sta per iniziare un periodo di “pax intraregionale” tra l’istituzione fiorentina e la città d’arte toscana? Così sembrerebbe, dopo l’incontro tra il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt e il sindaco di Siena Luigi De Mossi. Insieme hanno annunciato l’avvio di una serie di iniziative culturali

Il sindaco di Siena Luigi De Mossi e il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. Courtesy Gallerie degli Uffizi
Il sindaco di Siena Luigi De Mossi e il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. Courtesy Gallerie degli Uffizi

Per comprendere la natura del recente “Patto per l’arte” tra Siena e le Gallerie degli Uffizi è necessario fare un passo indietro, ricordando quanto avvenuto all’ultima Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze. In quell’occasione, il museo diretto da Eike Schmidt ha acquistato tre opere destinate alla propria collezione: il busto marmoreo il Virgilio di Carlo Albacini e i dipinti Ritratto dello scultore Antoine Denis Chaudet, realizzato dalla pittrice francese Jeanne-Elisabeth Chaudet, e Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara di Daniele da Volterra. Quest’ultimo acquisto, in particolare, ha provocato la presa di posizione di oltre 40 intellettuali, che nelle scorse settimane hanno lanciato un appello in nome di un coinvolgimento attivo di Siena e della sua Pinacoteca Nazionale nell’operazione. Così come per l’Elia nel deserto, opera acquistata dagli Uffizi nel 2018 ed eseguita dallo stesso artista, a essere tirate in ballo sono state questioni come l’identità culturale territoriale – entrambi i dipinti erano appartenuti alla famiglia Pannocchieschi d’Elci di Siena – e il ripensamento delle politiche di acquisizione da parte dei grandi musei statali.

Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara di Daniele da Volterra. Courtesy Gallerie degli Uffizi
Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara di Daniele da Volterra. Courtesy Gallerie degli Uffizi

DA FIRENZE A VOLTERRA, FINO A SIENA

A porre fine alla vicenda, rispondendo di fatto all’appello, è arrivato l’incontro tra Eike Schmidt e il primo cittadino senese Luigi De Mossi, svoltosi nella sede del museo fiorentino all’inizio della settimana. Nella nota stampa diffusa a conclusione dell’appuntamento, condivisa da entrambe le parti, si evidenziano i limiti normativi dell’operazione proposta dal comitato di intellettuali, ovvero l’impossibilità di procedere con la cessione alla Pinacoteca di Siena delle due opere di Daniele da Volterra acquistate dagli Uffizi. Tuttavia, si sottolinea che future mostre potranno avere luogo “non solo a Volterra (come già prospettato al momento dell’acquisto), ma anche nella città del Palio, proprio per un artista così importante come Daniele Ricciarelli”. Una soluzione che potrebbe continuare ad alimentare il dibattito attorno all’acquisto, ma che è stata anche accompagnata dall’annuncio dell’avvio di una nuova stagione culturale tra Uffizi e Siena. 

UN PATTO TRA MUSICA E ARTE

Negli ultimi anni le Gallerie degli Uffizi si sono impegnate con dedizione in favore del territorio e dei musei meno celebri e frequentati. Solo nell’ultimo anno, ne sono prova le mostre organizzate a Poppi, Anghiari, Signa, Bagno a Ripoli, Urbania e Matera. La possibilità di estendere la collaborazione con Siena ci onora e sancisce una pax intraregionale”, ha precisato Schmidt a margine dell’incontro. Il sindaco De Mossi ha auspicato il buon esito della collaborazione tra gli Uffizi, il Santa Maria della Scala, l’Accademia Chigiana e il complesso del Duomo di Siena (di competenza arcivescovile), esprimendosi in termini di “grandi risultati in campo culturale superando i campanilismi e i particolarismi e concorrendo a costruire un circuito tra i più prestigiosi del mondo, se non il più prestigioso”. Il primo passo di questo percorso è atteso già in primavera, con la mostra Masaccio: Madonna del Solletico. Il Cardinal Antonio Casini – dal 14 maggio al 31 ottobre 2020, nella cripta del Duomo di Siena -, esito della collaborazione tra l’Opera Metropolitana di Siena e gli Uffizi. Inoltre, dai depositi del museo fiorentino torneranno a Siena i due dipinti di Albrecht Altdorfer con Storie di San Floriano: una restituzione che porterà alla ricomposizione della collezione Spannocchi di Siena. Un ulteriore progetto, infine, dovrebbe riguardare il fronte musicale: l’Accademia Chigiana è stata infatti invitata a esibirsi nella magnifica cornice della Sala Bianca di Palazzo Pitti, in una data ancora da definire.

  Valentina Silvestrini 

https://www.uffizi.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.