Al Museo del Cinema di Torino inaugura la grande mostra dedicata al re dell’horror Dario Argento

Tra cimeli, manifesti, filmati e costumi di scena inaugura alla Museo del Cinema alla Mole Antonelliana la grande retrospettiva dedicata a Dario Argento, tra i registi horror più noti a livello mondiale

Immagine da Archivio Bellomo
Immagine da Archivio Bellomo

Profondo rosso, Suspiria, Phenomena: sono alcuni dei titoli più emblematici della filmografia di Dario Argento (Roma, 1940), regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, tra i nomi più noti e influenti del genere horror a livello internazionale e al quale, al Museo Nazionale del Cinema di Torino alla Mole Antonelliana, è dedicata una grande retrospettiva. Dario Argento – The Exhibit è il titolo della mostra che aprirà al pubblico dal 6 aprile 2022, un percorso a cura di Domenico De Gaetano e Marcello Garofalo che attraverso filmati, manifesti, cimeli, fotografie, bozzetti e costumi racconta l’intera produzione di Argento, dagli esordi con L’uccello dalle piume di cristallo (1970) al suo ultimo lavoro Occhiali neri (2022), recentemente presentato al Festival del Cinema di Berlino nella sezione Special Gala. “Il percorso della mostra”, spiega Domenico De Gaetano, Direttore del Museo Nazionale del Cinema e co-curatore della mostra, “propone un approccio ‘altro’ all’opera di Dario Argento, considerandolo soprattutto un regista profondamente innamorato delle possibilità del mezzo filmico che, attraverso una poetica del delirio visivo, ha saputo diventare uno dei grandi creatori di immagini del nostro tempo, demiurgo di un mondo i cui tratti – sospesi tra l’onirico e il fantastico, tra l’astrazione e la tentazione del sublime – sono sfaccettati, molteplici e complessi, sempre posti oltre il confine della visione”.

LA MOSTRA DI DARIO ARGENTO A TORINO

La mostra comprende 44 oggetti di scena e 123 manifesti e locandine originali del Museo del Cinema, bozzetti scenografici, creature meccaniche, fotografie inedite e, tra le chicche, dieci costumi utilizzati nei suoi film, tra cui quello ricreato appositamente da Giorgio Armani che aveva firmato gli abiti di Jennifer Connelly per Phenomena; e poi anche pezzi provenienti dal CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia (Archivio fotografico della Cineteca Nazionale e Scuola Nazionale di Cinema), collezionisti privati e professionisti del cinema, tra cui Sergio Stivaletti, effettista di molti film di Argento da Phenomena del 1985 in poi, Luigi Cozzi, stretto collaboratore di Argento fin dagli esordi, Franco Bellomo, Stefano Oggiano, Gabriele Farina, Roberto Attanasio e Carlo Rambaldi, uno dei più importanti artisti degli effetti speciali a livello mondiale. E adesso, ecco a voi le immagini della mostra.

– Desirée Maida

https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/dario-argento-the-exhibit/

Eventi d'arte in corso a Torino

Mostre a Torino, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.