Sisters in Tokyo! La trasferta di Ryts Monet

Coexist Gallery, Tokyo – fino al 2 marzo 2014. Le “Sisters” del pugliese Ryts Monet si raccolgono in Giappone. Decine di Statue delle Libertà, con il supporto di Tokyo Wonder Site e dell’Istituto Italiano di Cultura.

Ryts Monet - Sisters - veduta della mostra presso la Coexist Gallery, Tokyo 2014

Le opere di Ryts Monet (Bari, 1982) esposte a Tokyo sono elementi fluttuanti fra reale e immaginario, sacro e profano, archeologia e fantascienza, divenendo sintesi di mondi dialettici e opposti. Sisters è una collezione di repliche della Statua delle Libertà create con trielina su una serie di 88 stampe. Con ironia, il numero 88 è sia emblema di accumulo capitalistico sia tensione verso l’infinito, dove le repliche sembrano visivamente smaterializzarsi. Le diverse statue sono localizzate nei luoghi più disparati del mondo. Fra queste emerge quella di Ishinomaki, l’area devastata dallo tsunami, dove l’artista nel gennaio 2013 ha scattato la fotografia Amaterasu Goddess of Sun. La fotografia è poi divenuta bandiera: reincarna per colore ed essenza sia il sole della bandiera giapponese, infranto però dalla violenza della natura, sia Amaterasu, dea del sole a cui l’imperatore si rivolge ogni giorno e da cui egli stesso discende.

Ryts Monet - Sisters - veduta della mostra presso la Coexist Gallery, Tokyo 2014
Ryts Monet – Sisters – veduta della mostra presso la Coexist Gallery, Tokyo 2014

Il paesaggio post-apocalittico della costa giapponese è rappresentato in tutta la sua desolazione e asprezza nella videoproiezione The Magic Piper of Ishinomaki. Un suonatore di flauto ripercorre con cadenza rituale un percorso immaginario fra le macerie accumulate dopo le varie catastrofi, di cui una è ancora presente ma invisibile, la radioattività, che come la musica condiziona in maniera immateriale il corpo. All’interno della galleria ci si sente in un caleidoscopio. L’artista ci conduce in una suggestiva costellazione dove storie e analogie sovvertono la comune lettura dei simboli  fino a renderli simulacri. L’esposizione diviene viaggio, lettura raffinata di miti e ricerca critica sull’inconciliabilità fra ordine naturale e umano.

Alice Covatta

Tokyo // fino al 2 marzo 2014
Ryts Monet – Sisters
COEXIST GALLERY
3-18-17 Kiba Koutouku
+81 (0)3 58099949
[email protected]
http://coexist-tokyo.com/

CONDIVIDI
Alice Covatta
Alice Covatta (Venezia 1985) è tennista, architetto e illustratrice. Si laurea all'università IUAV di Venezia e dopo aver lavorato in Italia e Spagna attualmente è dottoranda in architettura fra l'Università di Udine e la Keio University a Tokyo. Da sempre s'interessa dei legami più ambigui ed inverosimili fra architettura e società, trasformandoli poi in disegni e parole.