Nuovi paesaggi urbani (II): Porta Nuova a Milano

Nascono nuove costruzioni, si cementifica e “riqualifica”. Ma cosa raccontano questi grattacieli tutti uguali, simboli di benessere e comfort, della nostra civiltà? Una passeggiata a Milano, nel nuovo complesso di Porta Garibaldi, fa da filo conduttore per una riflessione profonda su una società piena di contraddizioni.

Progetto Porta Nuova, skyline dell'area

But if you could just see the beauty,
these things I could never describe,
these pleasures a wayward distraction,
this is my one lucky prize.
Isolation, isolation, isolation…

Joy Division, Isolation, 1980

Fatevi un giro nel nuovo complesso di grattacieli edificato vicino Porta Garibaldi: il “progetto Porta Nuova”. Si può dire che sia un tipico esempio di riqualificazione urbana in stile tardo XX – inizi XXI secolo. Percorrete, nel tardo pomeriggio o all’inizio della serata, la lunga rampa su cui affacciano le larghe vetrate di edifici contemporanei, illuminata da quei faretti inspiegabilmente rosa; arriverete così al cosiddetto podio, la “rotonda” condivisa dagli alti edifici di vetro e cemento. Questi edifici hanno un aspetto familiare: sono infatti in tutto e per tutto simili a quelli che trovate nelle metropoli del mondo, in ogni angolo e continente. Quelli che quando li troviamo ci facciamo subito una foto davanti, perché sono così cool (per gli amanti del genere c’è anche l’installazione sonora di Alberto Garutti, Egg). E che trasmettono immediatamente l’idea di questa contemporaneità così globalizzata, in cui tutti sono connessi e ben vestiti e le banche si possono permettere altissimi edifici lussuosi: “All’uscita della stazione Garibaldi, crocevia di metrò, treni regionali, vecchia e nuova Alta Velocità, signore e signori in trasferta dalle province lombarde flettono la testa all’indietro. Lo sguardo s’arrampica su un muro di vetro e cemento, a cercare la punta del pennone dispersa tra le nuvole. L’impatto della nuova Manhattan milanese genera silenzi densi d’elaborazione. ‘Han riqualificato’. ‘Era brutto prima neh?’” (Giulia Bonezzi, I grattacieli sfidano la crisi: Milano guarda sempre più in alto, “Il Giorno-Milano”, 10 gennaio 2013).

La rampa a Porta Nuova, Milano
La rampa a Porta Nuova, Milano

Solo che Milano non è una metropoli, né di oggi né di ieri. E non è neanche, se vogliamo dirla tutta, una città particolarmente in salute (economicamente, socialmente, culturalmente). Se continuate la vostra passeggiata nella rotonda, scoprirete facilmente che molti degli spazi concepiti come commerciali sono ancora vuoti: verrano riempiti o rimarranno così? Una specie nuova, inedita di desolazione: nel massimo del comfort e dell’efficienza architettonica, si innesta come un cancro la realtà dura dell’assenza.
Questa polvere è la pellicola che ricopre, evidentemente, qualcos’altro di più profondo. Mancano ancora, parecchio e spesso, gli esseri umani, quelli ambiziosamente promessi dai rendering architettonici. Gli stessi esseri umani che – con le loro attività e le loro identità – animano e danno senso a tutti gli spazi, soprattutto quelli urbani. (Un paio di mesi fa, ho passeggiato in questo ‘podio’ con mio fratello: le presenze umane, rarefatte, facevano jogging sotto la neve perché stavano pubblicizzando – gratis – una nota marca sportiva.)
Evidentemente, siamo in presenza del risultato più recente di quello che lo studioso Edward Glaeser ha di recente definito complesso edificatorio”: “L’inclinazione a pensare che una città possa uscire dal declino costruendo è un esempio di errore edificatorio. È tipico che le città di successo effettivamente edifichino, poiché la vitalità economica induce la gente a essere più propensa a spendere per avere più spazio, e i costruttori sono contenti di provvedervi. Ma costruire è il risultato, non la causa, del successo. Cementificare una città in declino che già possiede più strutture di quante le servano, è pura follia” (Il trionfo della città, Bompiani 2013, pp. 108-109). E ancora: “Musei, trasporti pubblici e arti hanno naturalmente un ruolo importante nella creazione di un luogo. I pianificatori, tuttavia, devono essere realistici e aspettarsi dei successi moderati, non un’esplosione grandiosa. Il realismo spinge verso progetti piccoli e sensibili, non scommettendo sul futuro della città con una costosa puntata ai dadi. Il vero utile di questi investimenti sulle attrazioni non sta nel turismo, ma nel richiamare dei residenti che possono veramente risollevare una città, specie se sono persone in grado di collegarsi con l’economia mondiale” (ivi, pp. 116-117).

Alberto Garutti, Egg
Alberto Garutti, Egg

Il complesso edificatorio riguarda le città occidentali da più di quarant’anni, ed è frutto della tipica inversione dei rapporti di causa-effetto. Rappresenta la classica “scorciatoia”: dal momento che – e questo riguarda tutti i territori: la produzione culturale, la politica, la concezione economica – i “progetti piccoli e sensibili” richiedono impegno, competenza, fatica, immaginazione, costanza, nella stragrande maggioranza dei casi si è optato per i mastodontici progetti “bacchetta-magica”. La “riqualificazione urbana” (parente stretta, peraltro, della gentrification) è divenuta così non solo un termine onnicomprensivo, ma anche una sorta di mantra. Ciò è dovuto a quella garanzia “magica” che gli interventi edilizi-materiali-infrastrutturali possiedono presso urbanisti, pianificatori e policy maker.
Quel senso sottile, indefinibile ma ineludibile di desolazione – di solitudine (isolation) – è frutto di uno scarto tra il presente e il passato, tra il qui e l’altrove. Dovremmo considerare la possibilità che il problema vero, forse, consista proprio nel fatto che gli stessi grattacieli, le stesse identiche superfici di vetro e cemento, le possiamo trovare ovunque: “L’architettura contemporanea non mira all’eternità, ma al presente: un presente, tuttavia, insuperabile. Essa non anela all’eternità di un sogno di pietra, ma a un presente ‘sostituibile’ all’infinito. […] La città attuale è così l’eterno presente: edifici sostituibili gli uni con gli altri ed eventi architettonici, ‘singolarità’ che sono anche avvenimenti artistici concepiti per attirare visitatori da tutto il mondo” (Marc Augé, Rovine e macerie, 2003).

Christian Caliandro

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).
  • LIUBA

    Interessante riflessione.Grazie. Sono d’accordo. C’è un non so che di vuoto desolante, pur in una estetica che apprezzo, e l’energia, la vitalità e il vivente sembrano assenti, scomparsi o mai esistiti (che poi è un problema ovunque a milano…)

  • beh, il giretto tra i grattacieli, tolte le transenne, sono andato a farlo anch’io, spinto da curiosità verso la realizzazione architettonica.
    Qualche aspettativa positiva c’era perchè, passando occasionalmente nei pressi del grande cantiere, quando il complesso era in costruzione, mi lasciavo affascinare ingenuamente da quella tempesta di impalcature, di scavi, di attrezzature, ecc.
    Il senso desolazione avvolge, passeggiando, a partire dalla rampa.
    Non si tratta di una passeggiata libera, ma di un percorso consentito al pubblico, concesso dalla banca. I miei occhi cercavano angolazioni ardite, immaginavo fotografie del posto. Deolazione. Desolazione.
    Come altri, dicevo, ho subito il fascino del cantiere e delle forme avveneristiche, anche se, come evidenziato nell’articolo, già familiari.
    E finchè le cose sono in costruzione hanno un fascino. possono avere un fascino anche quando sono completate. Ciò che trovo orribile è la ciliegina sulla torta, il “finale” e cioè il Brand luminoso, l’insegna posta in alto che corona le opere.
    Vodafon, Unicredit, ecc. ecc.
    Finchè non c’è quello stemma i palazzi potrebbero anche incuriosire. Non appena viene applicata la scritta (la marca) gli edifici si trasformano immediatamente in dei telefonini giganti, provvisti ovviamente di antenna!
    Ma è possibile che nessun urbanista riesca a concepire, per riqualificare veramente un’area e donarla alla collettività, un grande prato con degli alberi, delle fontanelle con l’acqua potabile e delle panchine??
    filippo la vaccara

  • Gentile Christian, sono un fotografo amatoriale e mi fa piacere quando qualcuno apprezza le mie foto :) l’unica cosa che chiedo nell’utilizzo è di rispettare la licenza indicata nel sito (“Tu sei libero:

    di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest’opera
    Alle seguenti condizioni:

    Attribuzione — Devi attribuire la paternità dell’opera nei modi indicati dall’autore o da chi ti ha dato l’opera in licenza”). Questo più che altro per sapere come la foto viene usate. Grazie mille per la comprensione! Stefano

  • stefano

    Desolazione? Parlerei piuttosto di insolita pace dei sensi. Il fatto che la piazza Aulenti sia sopraelevata rispetto al piano stradale, il rumore dei giochi d’acqua, i grandi spazi che evitano le grandi calche di persone, il suono delle biciclette, degli skaters..è veramente tutto così fastidioso, in una città invasa dal rumore delle auto e dei tram? Ricordiamoci una cosa, un piccolo particolare: benchè la piazza sia aperta, Porta Nuova è ancora un cantiere, Unicredit non ha ancora spostato tutti i dipendenti (4000 persone) nella nuova sede, la Feltrinelli sta sistemando i locali per la sua libreria-ristorante, il parco su cui si affaccerà la piazza è ancora in progress, e lo spazio espositivo ex Grimshaw (oggi Mario Cucinella) è in fase di progettazione. Senza dimenticare il passaggio che si aprirà verso piazza Repubblica una volta aperta la passerella ciclopedonale in direzione Varesine. Insomma, io credo che questa “pace” sia da apprezzare, anche perchè temo che durerà ancora per poco. Vi consiglio di farci un salto la sera, passeggiateci e sdraiatevi a bordo fontana, immergetevi i piedi (come fanno molte persone oramai),portateci un amico. E’ un luogo di Milano a mio parere che sa sorprendere, al di là del pennone e dei muraglioni di vetro.

    • Marisa

      Sono d’accordo con Stefano. Uscendo giorni fa dalla stazione Garibaldi sono rimasta piacevolmente sorpresa dalle nuove costruzioni. Grattacieli ben disegnati, che ricordano, certo, altri simili al mondo, ma non si può certamente costruire solo in orizzontale.
      C’erano molte persone che passeggiavano sui percorsi che attraversano la fontana dall’acqua bassa, una piccola pista di pattinaggio affollata da adulti e bambini. In basso la pista ciclabile quasi terminata, il parco in costruzione e il palazzo dal bosco verticale già a buon punto con gli alberi già installati sui balconi (quelli finiti).
      Dietro l’angolo un mercatino biologico.
      La desolazione non l’ho avvertita, anche se, è ovvio, non c’è il calore di un borgo cresciuto nel tempo intorno ad una piazzetta con la chiesa e la farmacia, ma tutto ciò che è cresciuto velocemente a mò di fungo può inquietare.

  • Eclipse

    Milano non è una metropoli “né di oggi né di ieri”? E’ una frase ad effetto ma è falsa e dimostra scarsa conoscenza della storia della città. Milano fu capitale dell’Impero Romano d’Occidente per quasi 120 anni, nel medioevo era una delle città più importanti, grandi e popolose d’Europa, durante il Rinascimento solo Napoli e Parigi nel nostro continente ebbero più abitanti. Oggi per certi aspetti non è ancora al livello di una grande metropoli eppure mi risulta che sia una delle dieci Alpha Cities del mondo quindi qualcosina della metropoli dovrà pur averla.

    Gli spazi commerciali in piazza Aulenti sono in parte vuoti perché ci vuole tempo per aprire un negozio e l’apertura della piazza è avvenuta da pochi mesi, con il trasferimento dei dipendenti di Unicredit che si completerà in autunno. Alla fine del 2013 saranno comunque presenti Feltrinelli, Nike, Sephora, Muji, Renzo Rosso, Costume National, Grom ed Esselunga (il supermarket sarà al di sotto della piazza). Si deve anche considerare che l’area fino ad EXPO rimarrà almeno in parte un cantiere, dato che si dovranno realizzare i 90.000 mq di giardini compresi tra le torri, via De Castillia e via Gioia.

    Gli essere umani ad affollare la piazza non mi pare manchino, anzi, è decisamente viva e sta avendo successo malgrado sia ancora incompleta e ci siano pochi negozi aperti, segno che si tratta di uno spazio pubblico fruibile dai cittadini e ben collegato al resto della città.

    Tra i commenti si rilevano genialità derivanti dalla mancata conoscenza del progetto quali “un grande prato con degli alberi, delle fontanelle con l’acqua potabile e delle panchine”. Come detto è previsto un parco dietro le torri, inoltre l’intervento ha permesso di riqualificare diverse vie nel quartiere (Liberazione, De Castillia, Vespucci, Confalonieri ecc…). Poniamo pure che tutta l’area fosse stata destinata a verde, chi avrebbe coperto i costi? Il Comune, privo di risorse? Un costruttore, per beneficienza? Forse sarebbe bene filosofeggiare di meno e attenersi alla realtà: senza questo progetto ci saremmo tenuti lo schifo di prima, fatto di strade trafficate e sterpaglie, per chissà quanti anni.

  • Michele

    Leggere questo articolo 4 anni dopo, quando ormai quelle piazze pullulano di vita, di turisti ma soprattutto di milanesi, lo fa sembrare come la corazzata Potemkin… una cag**ta pazzesca…