Il Van Gogh Museum di Amsterdam ha un nuovo ingresso architettonico di vetro e acciaio. Ecco la fotogallery del monumentale accesso al popolare museo olandese

Print pagePDF pageEmail page

Hans van Heeswijk Architects, Ingresso del Van Gogh Museum, 2015, Amsterdam. Photo by Jan Kees Steenman, Ronald Tilleman

Hans van Heeswijk Architects, Ingresso del Van Gogh Museum, 2015, Amsterdam. Photo by Jan Kees Steenman, Ronald Tilleman

Dopo soli 18 mesi di lavoro da parte del celebre studio di architettura fondato da Hans van Heeswijk, il nuovo ingresso al Van Gogh Museum di Amsterdam è diventato realtà. Da qualche settimana l’accesso al museo è stato aperto sull’ala dell’edificio progettata dall’architetto giapponese Kisho Kurokawa nel 1999, sostituendo l’abituale ingresso realizzato nel 1973.
È proprio a partire dagli schizzi di Kurokawa del 2012 che lo studio di Hans van Heeswijk ha concretizzato la nuova entrata al Van Gogh Museum, finalmente accessibile dalla piazza dei musei. Grazie a una struttura in vetro tecnologicamente avanzata, l’edificio ellittico progettato dall’architetto giapponese si è trasformato in una luminosa superficie di 800 metri quadri, capace di snellire l’intenso afflusso dei visitatori.
650 metri quadri di vetro piegato a freddo, pannelli lunghi 12 metri e colonne alte oltre 9 metri, sempre nello stesso materiale, il tutto sostenuto da una poderosa struttura in acciaio: questi sono solo alcuni numeri del nuovo edificio, che rinnova l’immagine di un museo dedicato al più popolare degli artisti olandesi. Eccolo nella nostra fotogallery.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community