Cosa diventa Milano durante la Design Week? Lo racconta #DesignCapital, documentario visibile in streaming fino al 19 aprile

Print pagePDF pageEmail page

Frame dal documentario DesignCapital

Durante la Design Week, Milano si trasforma e il design diventa parte integrante del suo tessuto urbano. Come riesce in una trasformazione così radicale? E cosa diventa la città in quei giorni? #DesignCapital, I sette giorni che fanno di Milano la capitale del design, produzione indipendente di Studiolabo realizzato con Andrea Cuman e Massimiliano Fraticelli e diretto da Patrizio Saccò, è un viaggio per immagini nei giorni del Fuorisalone 2014 e analizza i cambiamenti che investono la metropoli lombarda durante la settimana del design. Presentato il 10 aprile in anteprima, il documentario è ora disponibile in streaming su milanodesigncapital.com fino al 19 aprile, per tutta la durata della Design Week.
Alla base del documentario c’è l’idea di raccontare la settimana del design in rapporto alla città“, spiega il regista Patrizio Saccò. “Tutte le interviste sono infatti riferite anche alla città, così come le riprese: siamo usciti dagli spazi espositivi per andare nelle strade e trovare i punti più suggestivi e affascinanti che celebrassero la bellezza di Milano”. L’integrazione tra città e design rappresenta infatti una vera e propria fusione che negli anni ha assunto una forma sempre più strutturata. Non a caso, il documentario ripercorre le tappe dalla nascita del Fuorisalone negli anni ’80, passando dai primi bollini rossi del Tortona District fino ad arrivare ai 7 distretti del 2014 e alla sua trasformazione in un appuntamento di richiamo internazionale. E senza dimenticare, peraltro, il ruolo fondamentale che ha giocato l’editoria, in particolare le riviste Interni e Abitare. Tuttavia, #DesignCapital è anche il racconto di progetti e prodotti, di eventi, feste e spettacoli che animano la città il giorno e la notte.
Milano è una città viva anche la notte e forse certi quartieri sono quasi più identificabili di notte che non di giorno. Volevo mostrare questa doppia faccia, diurna e notturna“, racconta il regista. “Alcune riprese notturne nel film sono state fatte prima dell’inizio dell’evento e mostrano i vuoti, l’attesa, la quiete prima della tempesta a pochi giorni dall’inizio della Design Week”.

Claudia Farci

www.milanodesigncapital.com

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community