Paris Updates: fotogallery da Private Choice. La mostra segreta che nessuno sa dove sia

Quarta edizione per la mostra “top secret”, allestita ogni anno in un luogo diverso della città rivelato solo previa prenotazione online

Private Choice 2016 © Silvia Neri
Private Choice 2016 © Silvia Neri

Nothing is true, everything is permitted  è il titolo della quarta edizione di Private Choice, l’ormai tradizionale mostra top-secret (si tiene di anno in anno una location sempre diversa di Parigi, rivelata solo a chi si registra sul sito web del progetto) con cui Nadia Candet presenta una collezione effimera d’arte contemporanea e design. È a direttrice in persona ad accogliere il suo pubblico e accompagnarlo nella visita, questa volta in un bell’appartamento dell’ottavo arrondissement. Una sala è dedicata al duo architetto-artista Berger&Berger che presentano opere degli Anni Trenta e Sessanta mentre alle finestre è installata un’opera al neon di Kleber Matheus. Giovani artisti presentano opere video, come quella di Marwan Moujaes, tra libri Taschen in edizione limitata di Maurizio Cattelan e Ai Weiwei.

L’ARTE DEL SAPER VIVERE
Opere d’arte, specchi, thè raffinati fino al maquillage NARS creato in collaborazione con Sarah Moon, tutto è arte, tutto è studiato nel minimo dettaglio. Nadia Candet conosce i gusti del suo pubblico e propone come ogni anno una selezione esigente e raffinata. Destinata ad un pubblico amante dell’arte del design e dell’arte di vivere, Private Choice attira l’attenzione di giovani collezionisti e direttori museali. Quest’anno, come novità, Private Choice presenta anche una manifestazione hors les murs in collaborazione con la galleria Gosserez, con l’installazione di più opere di Emmanuelle Leblanc in due differenti location.

– Silvia Neri

www.privatechoice.fr

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Neri
Silvia Neri nasce a Vicenza nel 1985. Si laurea nel 2010 in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Padova con una tesi in Storia dell'Arte contemporanea su Cremaster 3 di Matthew Barney. Nel 2008/2009 collabora con il Centro Nazionale di Fotografia di Padova. Scrive dal 2010 per la rivista AreaArte e collabora con artisti per la realizzazione di video e cortometraggi e allestimento di esposizioni d'arte. Vive a Parigi dove studia Art Contemporain et Nouveaux Medias a un master recherche all'Université di Paris 8 e collabora con la Galerie Bernard Bouche.