Il meglio dell’architettura contemporanea della Svizzera protagonista a Roma con mostre e talk

Una mostra e tre conferenze: questo il calendario di eventi, fino all’8 novembre, dalla Casa dell’Architettura di Roma. Per affrontare il tema della contemporaneità in Svizzera

Architettura Svizzera - Kunstmuseum di Julian Salinas
Architettura Svizzera - Kunstmuseum di Julian Salinas

Le conferenze del ciclo Architettura contemporanea in Svizzera. I nuovi Musei e centri culturali e la mostra Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità sono i due eventi curati, su iniziativa dell’Ambasciata di Svizzera in Italia e della Casa dell’Architettura, dall’architetto Arianna Callocchia – con il patrocinio di CNAPPC, MiBACT, ASM_ Associazione dei musei svizzeri, Società Svizzera degli Ingegneri e degli Architetti e Facoltà di Architettura, Sapienza Università di Roma – allo scopo di raccontare l’interessante fenomeno che, da qualche anno, vede riaccendersi un grande fermento culturale in Svizzera. Le tre conferenze indagheranno infatti, nello specifico, il rapporto tra città e nuovi musei, analizzando di volta in volta esempi resi virtuosi dal dialogo proficuo che sono stati capaci di innescare con la popolazione, con il tessuto urbano, con le istituzioni, i direttori, i curatori, gli artisti e i progettisti coinvolti. Il tutto riflettendo sul mutamento delle caratteristiche del modello museale contemporaneo, del suo pubblico – ormai tanto ampio ed eterogeneo da dover essere adeguatamente incentivato – e dei contenuti divulgativi scientifici che deve saper portare avanti. Requisito prioritario dell’operazione: creare valore, economico e culturale, attraverso la qualità, la trasversalità, l’accessibilità per tutti.

SI PARTE DAL LAC DI LUGANO
Tra i progetti analizzati ci sono il LAC Lugano Arte e Cultura di Ivano Gianola, di cui si è discusso l’11 ottobre;  l’estensione del Museo Nazionale Zurigo e il nuovo edificio del Kunstmuseum Basel di Christ&Gantenbein (martedì 25 ottobre); il Museo d’Arte dei Grigioni Coira e il mcb-a (Museo Cantonale di Belle Arti), Plateforme10, Losanna di Barozzi/Veiga (martedì 8 novembre). A raccontare questo fenomeno interverranno personalità di spicco del mondo del panorama culturale e architettonico, come Ugo Soragni, Micheal Gagnon, Marco Franciolli, Giancarlo Kessler, Edith Gabrielli, Heidi Amrein, Alberto Veiga, Margherita Guccione, Alfonso Giancotti, Stephan Kunz, Chantal Prod’Hom.

COME CONTINUERÀ A CAMBIARE LA SVIZZERA
Ad accompagnare le conferenze, su iniziativa dell’Ambasciata di Svizzera in Italia e della Casa dell’Architettura, la mostra Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità che propone, attraverso una selezione di progetti significativi del paese – già realizzati o in via di completamento tra il 2010 e il 2020 – una riflessione su cosa voglia dire e cosa comporti oggi intervenire sul paesaggio e sul contesto preesistente. Da Lugano a Basilea, da Zurigo a Losanna, dal Vallese ai Grigioni, che siano musei, strutture ricettive, case private o centri direzionali, le architetture svizzere dimostrano, nella loro sobrietà e compostezza formale, un’intramontabile eleganza. Pur mantenendo una discreta autonomia compositiva, raccontano uno stile vivace e riconoscibile, un uso sapiente dei materiali locali e del rapporto stretto col genius loci e con le montagne. Questa nuova tappa della mostra si presenta aggiornata e ampliata rispetto all’edizione dello scorso anno ospitata a Catania.

Giulia Mura

11 ottobre – 8 novembre 2016
Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità
Casa dell’Architettura
Roma, piazza Manfredo Fanti 47
www.casadellarchitettura.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.