Milano Updates: molte gallerie top, opere importanti a dominare gli stand, solidità nell’offerta complessiva. Ecco le prime immagini da miart 2016

Richard Saltuon, Konig, Sadie Coles, Marta Cervera. Fra conferme e nuovi arrivi, L’edizione 2016 di miart conta molto sui grandi nomi internazionali per presentarsi con sempre maggior solidità anche in questa ulima edizione firmata da Vincenzo De Bellis (Alessandro Rabottini è pronto a subentrare?). È pressoché unanime l’impressione avuta dalle prime ore di giri fra […]

miart 2016, Milano
miart 2016, Milano


Richard Saltuon, Konig, Sadie Coles, Marta Cervera. Fra conferme e nuovi arrivi, L’edizione 2016 di miart conta molto sui grandi nomi internazionali per presentarsi con sempre maggior solidità anche in questa ulima edizione firmata da Vincenzo De Bellis (Alessandro Rabottini è pronto a subentrare?). È pressoché unanime l’impressione avuta dalle prime ore di giri fra i corridoi di Fieramilanocity: un evento che da qualche anno si è messo in moto per emanciparsi dall’annosa competizione italiana, e per affacciarsi con le carte in regola sulla scena globale. Perfettamente confezionato per piacere ai collezionisti che piacciono. E una fiera è fatta di questo, prima ancora di entrare nello specifico dei singoli stand: di un’offerta complessiva appagante e ben equilibrata, in grado di offrire al visitatore e potenziale acquirente un clima di serietà, attenzione, fiducia. E qui miart 2016 sembra aver centrato l’obbiettivo: ma siamo solo alle prime ore, per ora vi lasciamo giudicare con una galleria di immagini random…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.