Ma allora si fanno, concorsi d’architettura virtuosi e popolari. AAA architetticercasi, in chiave Expo 2015…

AAA architetticercasi sembra sfatare il triste mito tutto italiano legato alla carenza di concorsi, al loro malfunzionamento, o peggio alla loro non-realizzazione. Pare infatti che la competition per under 35 Abitare la densità: la città delle cooperative di abitanti, curata da Paolo Mazzoleni e promossa da Confcooperative Federabitazione Lombardia, Legacoop Abitanti Lombardia ed Euro Milano, […]

1 AAA_2010_primo classificato_ Stefano Tropea, Mikel Martinez Múgica, Sergio Coll Pla

AAA architetticercasi sembra sfatare il triste mito tutto italiano legato alla carenza di concorsi, al loro malfunzionamento, o peggio alla loro non-realizzazione. Pare infatti che la competition per under 35 Abitare la densità: la città delle cooperative di abitanti, curata da Paolo Mazzoleni e promossa da Confcooperative Federabitazione Lombardia, Legacoop Abitanti Lombardia ed Euro Milano, non solo abbia raccolto ottimi prodotti di giovani progettisti pieni di talento e buona volontà, ma abbia anche dimostrato come sia ancora possibile pensare di costruire a Milano case popolari, a basso costo, ecocompatibili e di qualità.
Una lezione tutt’altro che scontata, ormai, e la fiducia che ancora qualcosa sia possibile: lo spirito che ha infatti animato i gruppi – premiati lo scorso 7 luglio alla Triennale di Milano – sembra andare verso una solida direzione comune. Ben 121 gli architetti che si sono cimentati col tema, un edifico residenziale cooperativo con edilizia convenzionata e agevolate per oltre 19 mila mq.
Vincitori: Stefano Tropea, Mikel Martinez Múgica e Sergio Coll Pla. Secondi classificati: Matteo Cesare Parini, Roy Emiliano Nash, Rene Dlesk (a cui è stata data la succulenta possibilità di dare il loro contributo sull’housing sociale curando il progetto preliminare e definitivo di due edifici da oltre 530mila mq totali nell’area dell’Expo di Cascina Merlata). Terzo classificato, infine, il gruppo composto da Giuseppe Francavilla e Luciana Mastrolonardo, a cui andrà un premio in denaro di 3mila euro.
I risultati usciranno a ottobre 2011 in un libro omonimo edito da Quodlibet che raccoglierà, oltre alle tavole e le schede tecniche dei progetti, anche contributi critici di giovani architetti già affermati come Floriana Marotta (MAB arquitectura), Aljosa Dekleva e Tina Gregoric, Giampiero Sanguigni (DEMO) e Emanuele Naboni e Elena Magarotto.

– Giulia Mura

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.