“Please Ferragni come to visit Musei Egizi cause we wanna be famous like Uffizi”. Cantano gli Eugenio in Via Di Gioia nella loro canzone più famosa, Eurovision in Turin, dedicata all’assegnazione a Torino degli Eurovision Song Contest 2022. Così, dopo che Chiara Ferragni ha accolto il loro invito, visitando il Museo Egizio come aveva fatto con gli Uffizi, non poteva mancare anche la band torinese all’appuntamento con l’istituzione più rappresentativa della città.

GLI EUGENIO IN VIA GIOIA, AUTORI DEL “TI AMO ANCORA” IN PIAZZA SAN CARLO A TORINO

Dopo la plateale scritta “Ti amo ancora” realizzata in Piazza San Carlo a Torino, lo scorso 29 marzo, la band prosegue con le dichiarazioni d’amore alla propria città.

Lo fa ambientando proprio al Museo Egizio la prima di una serie di proposte rivolte ai loro fan e dedicate ad esperienze da vivere in compagnia del gruppo formato da Eugenio Cesaro, Emanuele Via, Paolo Di Gioia e Lorenzo Federici, con l’intento di valorizzare il proprio territorio.

IL CONCERTO ESPERIENZIALE DEGLI EUGENIO IN VIA DI GIOIA

“Perché vendere degli oggetti quando possiamo regalare delle esperienze?” ci dicono gli Eugenio in Via Di Gioia in occasione del tour speciale tra mummie e sarcofaghi, conclusosi con un concerto finale dei loro brani più famosi: un’esperienza realizzata in collaborazione con The Goodness Factory, il Museo Egizio, Club Silencio e Eataly. “Siamo qui all’Egizio perché abbiamo scritto tempo fa una canzone legata a Torino e al suo museo più importante, e quindi questa ci sembrava la chiusura più perfetta del cerchio”. In attesa dei prossimi appuntamenti con la band, come un tour per Torino, il cui ricavato andrà in parte alla Fondazione Specchio dei Tempi, ecco il video del loro primo concerto esperienziale al museo, tra i fan accorsi da tutta Italia.

Dati correlati
Spazio espositivoMUSEO EGIZIO
IndirizzoVia Dell'accademia Delle Scienze 6 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).