Il più grande “raduno culturale del mondo” ha finalmente aperto le sue porte: dopo lo slittamento di un anno a causa della pandemia, ora l’Expo Dubai 2020 ha preso il via con una sontuosa cerimonia di apertura.

La cerimonia di apertura di Expo Dubai 2020

Si tratta del primo Expo ospitato in un paese medio orientale da 170 anni, con il proposito di “Connettere le menti, creare il futuro”. La cerimonia si è svolta principalmente sotto l’enorme cupola di Al Wasl, cuore pulsante dell’esposizione, dove hanno sfilato le 192 bandiere dei Paesi partecipanti, tra proiezioni immersive, musiche coinvolgenti, fuochi d’artificio che hanno accolto gli spettatori provenienti da ogni parte del mondo. Ad accompagnare lo spettacolo, la presenza di una bambina dai lunghi capelli neri, vestita con abiti tipici, a rappresentare il futuro.

Andrea Bocelli sul palco di Expo Dubai

Tra gli artisti che si sono susseguiti sul palco, i più attesi erano Andrea Bocelli, che ha chiuso tra applausi e emozioni la serata inaugurale, Ellie Goulding, Lang Lang e Mohammed Abdu. Il tenore italiano ha intonato le note di The preyer, sulle quali è avvenuta anche l’accensione di uno splendido albero di Ghaf, simbolo degli Emirati Arabi e di Expo, dando ufficialmente il via a questa attesa esposizione universale.

Premiato il Padiglione Italia

A poche ore dalla cerimonia, il Padiglione Italia progettato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria, con lo slogan “La bellezza unisce le persone”, è stato inoltre insignito di un prestigioso riconoscimento: in occasione dei Construction Innovation Awards negli Emirati Arabi Uniti è stato conferito al nostro padiglione il premio come miglior progetto imprenditoriale dell’anno.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Pisa
Vive a Roma dove si è laureata in Scienze politiche e Relazioni internazionali. Da sempre si occupa di cultura e comunicazione digitale. Dal 2015 è pubblicista e per Artribune segue le attività social.