Jean-Michel Basquiat nasce a Brooklyn New York nel 1960. Molto giovane, a soli 17 anni, abbandona scuola e casa preferendo vivere in giro, dove capita, poco dopo, inizia a dipingere sui muri della città, a fare street art, firmandosi SAMO. Successivamente l’artista inizia a frequentare anche la Factory di Andy Warhol, entrando in quello che possiamo definire un giro creativo fondamentale per il suo lavoro; in questo periodo diviene anche amico di Keith Haring. Nelle sue opere rientrano varie tematiche: l’anatomia, la storia, la vita di strada, la religione, i riti vudù, la musica, i fumetti, i miti del mondo dello sport ma anche l’ironia e l’irriverenza. In pochi anni Jean-Michel Basquiat diventa uno dei più importanti artisti della sua generazione.
La sua biografia, con tutto il malessere e la malinconia che la caratterizza, è fondamentale sia per capire la sua arte che per comprendere il periodo storico e sociale nel quale visse.
Nel 1988, a soli 27 anni, Basquiat muore nella sua casa di New York per un’overdose di eroina.

– Alberto Mattia Martini

Art one shot su YouTube

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mattia Martini
Alberto Mattia Martini, critico d'arte e curatore ha al suo attivo numerose ed importanti mostre organizzate sia in spazi pubblici, che in gallerie private. Attualmente insegna Storia dell'arte, del costume e dei linguaggi artistici e Metodologia per la movimentazione delle opere d'arte, presso l'Accademia di Belle Arti Acme di Milano. Ha rivestito il ruolo di Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Rovereto e di Direttore Artistico presso la Lbera Accademia di Belle Arti di Brescia, dove ha insegnato anche Storia dell'Arte Contemporanea e Moderna. Giornalista inscritto all'albo nazionale, ha collaborato e collabora con numerose testate tra cui tra cui: Flash Art, D’Ars, Artein Espoarte e Artribune.com. É inoltre inscritto all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio del Tribunale di Parma. Ha collaborato per diversi anni, fino alla sua morte con Pierre Restany, noto critico internazionale nonché fondatore del movimento artistico del Nouveau Réalisme.