Sul palco per ben quattro ore e mezza, l’artista ha cantato i testi dei sogni ricevuti da tutti coloro che hanno risposto alla sua sollecitazione, a partire dal gennaio 2020, compresi quelli del periodo del lockdown, raccolti tramite una piattaforma online dedicata sul suo sito. Gli elementi base dell’opera sono quindi i sogni, la voce, il corpo e l’immaginazione del pubblico presente. Il titolo fa riferimento non solo a un noto capolavoro di Constantin Brancusi, ma anche alla fase notturna di verità del sogno e alla meraviglia e allo stupore che suscita il mostrare quel lato nascosto e sincero di sé. Come accade per tutte le performance di Reverie, anche il materiale raccolto da questo lavoro collettivo servirà per creare un’opera di sintesi.
In The Sleeping Muse Reverie lavora con la materialità della voce usata allo stato grezzo, come elemento plastico, corporeo, che mette in contatto l’esperienza fisica dell’artista con il vissuto onirico delle persone coinvolte”, commenta la curatrice Raffaella Perna, “scultura, performance vocale, attività onirica si fondono in un’opera concepita come processo conoscitivo collettivo”.

Reverie, Sogno 2: The Sleeping Muse
12 settembre 2020 ore 16-20:30
Milano, Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame
performance in collaborazione con Fondazione Mudima, curata da Raffaella Perna
riprese video di Marco Ligabue
www.reverieinarte.com/coro-di-sogni

Evento correlato
Nome eventoReverie - The Sleeping Muse
Vernissage12/09/2020 ore 16
Duratadal 12/09/2020 al 12/09/2020
Autore Reverie
Genereperformance - happening
Spazio espositivoPALAZZINA LIBERTY
IndirizzoLargo Marinai D'italia - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.