Conosciuta a livello internazionale per la sua abilità nel combinare armonia estetica e innovazione tecnologica, Iris Van Herpen (Wamel, 1984) è da considerarsi, senza ombra di dubbio, la più grande sperimentatrice nel campo dell’alta moda contemporanea.
Dopo aver lavorato, durante il periodo universitario, al fianco di maestri del settore come Claudy Jongstra e Alexander McQueen, la designer olandese ha iniziato a specializzarsi nella produzione di collezioni estremamente eleganti utilizzando allo stesso tempo dispositivi all’avanguardia – come le stampanti 3D – e tecniche artigianali di tradizione millenaria.
Da cantanti del calibro di Lady Gaga, Beyoncé e Bjork (per la quale ha realizzato i costumi sfoggiati in occasione dello spettacolo Cornucopia) ad architetti e artisti come Daniel Widrig e Bart Hess, le collaborazioni di Iris Van Herpen riescono sempre a coinvolgere mostri sacri della creatività internazionale. In occasione della presentazione di Sensory Seas – la sua ultima collezione esibita lo scorso 20 gennaio presso il Cirque d’hiver Bouglione di Parigi – l’atelier Van Herpen ha pubblicato un video che mostra il dietro le quinte dell’evento rivelando i momenti cruciali della produzione degli abiti e della sfilata stessa.
Diretto dall’olandese Jip Mus, il video ci introduce all’interno dell’immaginario targato Van Herpen, un mondo che guarda tantissimo non solo all’anatomia umana, ma soprattutto a quella animale: il tessuto, che verrà poi indossato da figure tanto eleganti quanto ibride e aliene, si fa così membrana organica, a volte un’ala, altre una branchia.

– Valerio Veneruso

www.irisvanherpen.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.