Eduardo Paolozzi (1924-2005) era un artista scozzese di origini italiane. Considerato uno dei pionieri della Pop Art su suolo britannico, Paolozzi passò per la prima volta per Venezia nel 1960, quando fu chiamato a rappresentare la Gran Bretagna alla Biennale d’Arte. Dopo quasi sessant’anni, la sua opera torna in laguna grazie alla galleria Alma Zevi, che gli dedica un’ampia personale aperta fino al 20 dicembre 2018. La mostra, risultato di una ricerca svolta in archivi, biblioteche e collezioni private in Italia e all’estero, rappresenta un’occasione unica per riscoprire la rivoluzionaria opera dei primi anni di carriera di questo artista, ancora troppo poco conosciuto ed esposto, soprattutto in Italia.
Tra le opere incluse nell’allestimento, due rari esempi di collage degli anni Quaranta e Cinquanta, alcune stampe tratte dal portfolio General Dynamic F.U.N. (1965-70), le acqueforti di The Ravel Suite (1974), e il film sperimentale The History of Nothing (1962), che vi proponiamo in versione integrale (courtesy The Paolozzi Foundation e British Film Institute).

Evento correlato
Nome eventoEduardo Paolozzi
Vernissage27/09/2018
Duratadal 27/09/2018 al 20/12/2018
AutoreEduardo Paolozzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoALMA ZEVI
IndirizzoSan Marco 3357 Salizzada San Samuele 30124 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.