Reduce dal successo ottenuto alla Mostra del Cinema di Venezia con il film Controfigura, Rä di Martino (1975) torna con una nuova mostra e un progetto inedito. Negli spazi di Marsèlleria l’artista romana presenta fino al 3 novembre Poor Poor Jerry, un lavoro che utilizza il linguaggio dell’animazione e si sviluppa attraverso uno schema espositivo fatto di video e installazioni sonore.
Musica, cinema e televisione hanno nel tempo costruito un immaginario comune e condivisibile, intrecciandosi su più piani e andando a formare un’enciclopedia sentimentale libera e senza ordine alfabetico o di genere”, si legge nella presentazione della mostra, “se per molti questo bagaglio costituisce uno strumento per collocare al meglio le emozioni e costruire delle personali mappe con cui muoversi nel reale attraverso l’associazione di ricordi, per qualcuno rappresenta un fardello dal quale è impossibile liberarsi, una zavorra che inibisce pensieri nuovi e visioni inedite”.
Poor Poor Jerry si propone dunque di indagare la conformazione della nostra coscienza collettiva mescolando diversi linguaggi: un’icona delle serie animate americane, il topolino Jerry, si muove attraverso i paesaggi desertici dell’isola di Lanzarote con in sottofondo colonne sonore e dialoghi presi in prestito dal cinema popolare.

Evento correlato
Nome eventoRä di Martino - Poor Poor Jerry
Vernissage27/09/2017 ore 19
Duratadal 27/09/2017 al 03/11/2017
AutoreRà Di Martino
CuratoreDavide Giannella
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMARSÈLLERIA
Indirizzovia privata Rezia 2 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.