Nell’anno in cui ricorre il primo anniversario della scomparsa di Zaha Hadid (1950-2016), sarà il MAXXI di Roma a omaggiare l’archistar con la retrospettiva Zaha Hadid e l’Italia: annunciata nei giorni scorsi, aprirà il 23 giugno prossimo. Intanto, dopo l’esposizione proposta durante l’ultima Biennale di Architettura, anche la capitale inglese ha scelto di celebrare la progettista che proprio a Londra si era formata e aveva fondato il suo studio. Aperta fino al 12 febbraio, Zaha Hadid. Early paintings and drawings, che vi abbiamo presentato in anteprima, si concentra sulla fase iniziale della sua carriera, ricorrendo anche a un’esperienza di realtà virtuale.
Grazie alla collaborazione tra Serpentine Galleries, il VR department di Zaha Hadid Architects e Google Arts and Culture, è infatti possibile accedere a quattro video – The Peak, The Great Utopia, The World e Leicester Square – che presentano animazioni sviluppate a partire da altrettanti dipinti eseguiti negli anni Ottanta dall’archistar. Si tratta di una modalità che fornisce ai visitatori uno strumento aggiuntivo per cogliere alcune delle intuizioni della sua visione architettonica. Nel contempo, questa operazione sembra proseguire lungo quel percorso di innovazione e sperimentazione perseguito, e in un certo senso incarnato, da Zaha Hadid nel corso della sua intera carriera.

– Valentina Silvestrini

www.serpentinegalleries.org

Dati correlati
AutoreZaha Hadid
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.