È finalmente online il documentario Leonardo da Vinci. The Restoration of the Century, un film della durata di un’ora che racconta nel dettaglio la straordinaria avventura del restauro del quadro Sant’Anna, la Vergine e il bambino con l’agnellino di Leonardo, uno dei capolavori assoluti della storia della pittura. Il dipinto, a cui l’artista lavorò dal 1501 al 1513 circa, è custodito nelle sale del Louvre di Parigi, nel cui dipartimento di conservazione si è svolto il delicato lavoro di restauro, affidato alle cure di una restauratrice italiana, la romana residente in Francia Cinzia Pasquali. La Pasquali, che aveva già messo le mani su capolavori come la Galleria di Apollo al Louvre, la Galleria degli Specchi a Versailles e le pitture del Duomo di Napoli, oltre ad aver restaurato anche opere di artisti contemporanei come Jean-Michel Basquiat e Giuseppe Penone, è stata seguita durante la sua lunga missione da un pool di esperti provenienti da tutto il mondo. La commissione, composta dai maggiori conoscitori di Leonardo da Vinci, serviva a garantire che non fosse eseguita una pulitura eccessiva, rischio primario di ogni intervento di questo genere.
Il documentario, prodotto nel 2012 da Arte France in collaborazione con il Louvre, Nord Ouest Documentaries e CFRT, ci accompagna in un viaggio appassionante, che ci rende testimoni di tutti gli stadi del processo di restauro, dalle valutazioni iniziali, alle incertezze che costellano il percorso, alle polemiche che l’hanno funestato, fino alla sua soddisfacente conclusione (l’opera è tornata al suo posto nel marzo del 2012).


– Valentina Tanni

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.