L’opera d’arte, dall’epoca della sua riproducibilità tecnica all’epoca della proliferazione delle reti. Un lasso di tempo di circa due secoli, in cui si dipanano i destini dell’estetica e le evoluzioni dell’oggetto artistico, dal concetto alla forma, dai metodi di produzione ai canali di fruizione. Con un intervento dal titolo “Dall’orinale all’orale: la fine dell’arte contemporanea”, Francesco Bonami, critico e curatore di fama internazionale, tra i più assidui e appassionati divulgatori del pensiero artistico contemporaneo, ha provato a investigare la storia e a ipotizzare i destini dell’arte contemporanea: un talk organizzato dal Pecci di Prato, lo scorso 10 febbraio, per il ciclo “Changes-Cambiamenti”. Con lui Fabio Cavallucci, direttore del Museo.

Così, dall’Orinatoio di Duchamp, opera simbolo della grande rivoluzione che sconquassò, disorientò e capovolse i codici estetici occidentali, si arriva alle opere effimere di Tino Seghal – volatili ma non incorporee -, nuova star internazionale, premiato all’ultima Biennale di Venezia, testimone di una smaterializzazione della forma artistica in chiave performativa, coreografica, vocale, teorica, gestuale o narrativa. Dall’oggetto all’azione, in un lungo percorso complesso e variegato, che per Bonami corrisponde, essenzialmente, a un ciclo: nascita e morte del contemporaneo, intesa come stagione culturale da affiancare ad altre grandi stagioni della storia. Un ciclo di cui Seghal rappresenterebbe la figura ultima e insieme di passaggio.

L'orinatoio di Duchamp
L’orinatoio di Duchamp

E allora cosa ne sarà dell’arte, dopo il tramonto del contemporaneo? Forse, in quest’era incipiente, successiva a quella della sperimentazione, si ripartirà  proprio dal “racconto”, dall’oralità, dal recupero dell’antica pratica della narrazione immateriale. Col mondo della virtualità e dell’iper-tecnologia a orientare nuove misure, nuove esperienze, nuove localizzazioni, nuovi strappi e rinnovate convenzioni.
Da qui una lunga conversazione sui luoghi, le mitologie, le intuizioni, le funzioni, i flussi visivi, le suggestioni, le pratiche autoriali e i rituali collettivi che definiscono, nel passato recente e nel futuro prossimo, la meravigliosa scena della cultura artistica contemporanea e post-contemporanea.

Helga Marsala

www.centropecci.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.