La passione di Vezio. Secondo Vedovamazzei

Il collezionista e il suo spazio. E gli artisti prediletti. Si costruisce così la personale di Vedovamazzei a Torino, da Velan. E fino al 5 maggio si assiste alla pubblicità del privato. Almeno per quattro quinti dei lavori esposti.

Vedovamazzei - 14 marzo 2012 - veduta della mostra presso Velan, Torino 2012

Collezionare opere d’arte è una passione talora privatissima. Mostrare ad altri la propria raccolta è un atto delicato. Il collezionista ha dei pudori, certo, ma questo suo mettere assieme implica un gusto famelico, una strana voracità, legata a doppio filo alla costruzione intima di una storia. Nel caso di 14 marzo 2012, personale di Vedovamazzei (Stella Scala, Frattaminore, 1964; Simeone Crispino, Napoli, 1962. Vivono a Milano), è la seconda volta che con opere provenienti dalla collezione Vezio Tomasinelli si realizza – nello spazio di Velan – un appuntamento con artisti italiani di livello internazionale. Dalle cinque opere esposte (quattro provenienti dalla collezione, più l’inedito Putin) affiorano molteplici livelli d’interesse. Da un lato, emergono tanto le raffinate tangenze semantiche quanto l’evoluzione della ricerca artistica di Vedovamazzei. Dall’altro, la continuità di gusto, la fedeltà di Tomasinelli rispetto al lavoro degli artisti rende percepibile una sottotraccia dell’ego del collezionista stesso. Esistono compulsive accumulazioni oppure ponderate veggenze. Esistono.

Giangavino Pazzola

Torino // fino al 5 maggio 2012
Vedovamazzei – 14 marzo 2012
a cura di Francesca Referza
VELAN
Via Saluzzo 64
011 280406
[email protected]
www.velancenter.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giangavino Pazzola
Laureato in Lettere e Comunicazione all'Università di Sassari. Attualmente vivo a Torino, dove studio Comunicazione Pubblica e Politica. Curatore indipendente e blogger, nel 2011 ho vinto il Premio MANizos, per giovani curatori d'arte in Sardegna (Museo MAN/AMACI). Dal 2009 collaboro con il Progetto Cyou - Festival dell'Arte Contemporanea, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco e dal 2010 con Tiscali Cultura e Poxart.