La app che fa ridere i quadri. Così trovarono il buon umore i ritratti del Rijksmuseum

Fateci caso. I protagonisti dei capolavori dell’arte sono quasi sempre seri, compiti, se non mesti. Non ridono mai. Ma qualcuno ha trovato il modo per cambiar loro l’umore. Con un giochino diventato subito virale…

FaceApp cambia volto ai dipinti del Rijksmuseum
FaceApp cambia volto ai dipinti del Rijksmuseum

Giusto per ricordarsi che l’arte è una cosa seria ma non troppo, e che è lecito giocarci con un po’ di sana leggerezza, c’è chi si mette d’impegno e prova a dissacrare. Ironicamente. Con delicatezza. Prendendo in giro i grandi capolavori del passato. Poco male: Duchamp l’aveva fatto già un secolo fa, mettendo i baffi alla Gioconda. Qui però non c’è nessun risvolto concettuale e nessuna pretesa intellettuale, anzi. Giusto un divertissement, nell’era dei social network.
Succede che il grafico e illustratore britannico Ollie Gibbs si trovi in visita con la fidanzata al Rijksmuseum di Amsterdam e a un certo punto, dopo aver passato in rassegna decine di ritratti della collezione, tra Rinascimento, Barocco e Realismo, gli venga spontanea una costatazione: “sembrano tutti così depressi”. Un solo tratto comune: visi tristi, sguardi spenti, fronti corrucciate, serietà e compostezza, mai un sorriso. Ma perché? Forse, ha spiegato Gibbs scherzandosi su, a stare in posa ore e ore ritrovarsi quella faccia è pure normale!

FaceApp mette il sorriso alle opere d'arte
FaceApp mette il sorriso alle opere d’arte

L’APP CHE TI METTE IL SORRISO

Fatto sta che ne è nato un esperimento. Divenuto, manco a dirlo, immediatamente virale. Utilizzando tramite il proprio cellulare FaceApp, un’applicazione per immagini che è in grado di cambiare espressione e fisionomia ai volti, uomini e donne ritratti sulle preziose tele del museo hanno letteralmente cambiato faccia. Ma soprattutto umore. Mettendosi a ridere, finalmente. Sorrisi smaglianti a 32 denti, con effetto quasi sempre spassoso, a volte naturale, in certi casi inquietante. Risate beffarde, tenere, cavalline, sguaiate, stentate, sornione. Le foto hanno cominciato a girare vorticosamente sul web, retwittate e condivise a velocità supersonica. Come l’ha presa il Rijksmuseum? Benone, dal momento che anche dal profilo Twitter dell’istituzione è partito un simpatico share: “Divertente vedere facce così familiari che ridono!”. E naturalmente non potevano mancare le GIF, condite da vignette ironiche, lanciate da Gibbs sull’onda del successo. Una piccola cosa, che la Rete ha accolto – è il caso di dirlo – con una grande risata.

Il libro di Stefano Guerrera
Il libro di Stefano Guerrera

IL CASO ITALIANO

E il fenomeno del resto non è nuovo. Sfottere bonariamente statue e dipinti famosi è un passatempo che conquista le masse. Basti pensare alla serie “Se i quadri potessero parlare”, inventata qualche anno fa dallo studente pugliese Stefano Guerrera e subito divenuta un fenomeno: numeri incredibili sui social, ospitate televisive, servizi giornalistici e poi addirittura un libro, pubblicato da BUR/Rizzoli. Una frase azzeccata (magari in romanesco) appiccicata su una scena mitologica, storica, religiosa, tra dipinti più o meno noti, e l’effetto comico è garantito. La pagina Facebook di Guererra ha oggi oltre 1 milione e 200mila fan. Quella del Rijksmuseum si ferma a 332.653, giusto per capire le proporzioni. E chissà che il giochetto di Gibbs qualche like in più non l’abbia portato.

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.