Il futuro di Demanio Marittimo Km-278: 12h di cultura sulla spiaggia. Intervista a Cristiana Colli

Il 20 luglio 2018 la spiaggia di Marzocca di Senigallia ha ospitato l’ottava edizione di Demanio Marittimo Km-278, la maratona notturna dedicata ad arte, architettura e design. Ne abbiamo parlato con la curatrice Cristiana Colli.

Demanio Marittimo.Km-278
Demanio Marittimo.Km-278

Siamo giunti all’ottava edizione di Demanio Marittimo.Km-278, che quest’anno tratta il tema della “Coesistenza”.  Nel programma dell’evento lei ha scelto di parlarne riferendosi a cinque parole chiave: parole, gesto, terra, ricordo e Demanio. Perché questa scelta?
Partirei dalla prima, ‘Parole’. Io sono una di quelle che crede che le parole ci rappresentano: se le parole sono in asse con i nostri pensieri, allora diventano importanti e precise. Poi prenderei l’ultima: ‘Demanio’, dove siamo noi in questo momento. Siamo a pochi metri dall’acqua, in una spiaggia che è solitamente anonima e ora ha un nome e un suffisso – Km-278- che l’hanno tolta dal cono d’ombra accendendo su questo luogo una luce. Poi passerei al ‘gesto’, perché le parole sono fondamentali ma non sufficienti. Per dare contenuto alle parole sono necessari i nostri gesti, affinché non siano solo retorica. Quest’anno il ‘gesto’ si traduce in una parte del programma, ovvero in una serie di performance curate da Davide Quadrio e anche nell’installazione di Sislej Xhafa, che per la prima volta estende la portata di Demanio Marittimo Km-278 al giorno dopo.

Cristiana Colli e Sislej Xhafa
Cristiana Colli e Sislej Xhafa

In cosa consiste l’installazione di Sislej  Xhafa?
Sislej presenta  ‘obbobobbobo dul peshku’, un’installazione site specific che porta un nome per noi incomprensibile perché del Kosovo, e che diventa una parola che descrive il nero della distesa del mare che è un percorso, un attraversamento, una piattaforma, un’autostrada liquida. Qui l’artista si misura con una comunità: quella che abita questa spiaggia in occasione dell’evento. In questi otto anni le persone hanno trovato nel progetto un senso di appartenenza. La scelta di proseguire è stata una cosa venuta da sé. L’artista ha conosciuto il lungomare in occasione della settima edizione e ci siamo capiti su una certa lettura del paesaggio, un paesaggio fatto di assi orizzontali paralleli: lungo il mare c’è il lungo mare, lungo il lungomare c’è la ferrovia, lungo la ferrovia il lungomare e la statale adriatica, ancora la A14, c’è una fortissima densità di infrastrutture che di fatto lo disegnano. Lungo questi assi insistono le abitazioni: questa è la città adriatica, con tutto il bene e il male che contiene.

Perché questa estensione temporale?
In qualche modo Sislej ha colto un senso poetico di questo paesaggio, fatto di pensioni a mare del tutto inattuali, dove la colazione è ancora pane, burro e marmellata e le camere hanno la sobrietà per ospitare le famiglie della ‘middle class’. Sono posti inattuali, ma non anacronistici, sono fissi una temporalità infinita, è un posto magico e il punto perfetto per il nostro evento. Questo è un demanio marittimo per 364 giorni all’anno, per 1 è una piattaforma dove ci esercitiamo con delle proposte progettuali ,con un contest dove si può dimostrare il proprio talento e la propria capacità.

Tornando a riflettere sul tema della “Coesistenza”, in una recente intervista di Artribune spiega di preferire “parlare di ‘coesistenze’ al plurale perché non esiste ‘una’ coesistenza, piuttosto esistono le ‘coesistenze’, che di solito hanno almeno due direzioni, per lo meno quelle dei soggetti che le rendono possibili”.
Si, io ho dichiarato subito di preferire il plurale perché il singolare è un gesto di potere, è un ‘tu coesisti con me’, invece no, non sono io che lo decido. Se le coesistenze hanno doppia direzione vuol dire che ci manteniamo aperti. Per noi la coesistenza è un fatto concreto, se noi uniamo quanto detto fin’ ora alla proiezione dei grattacieli adriatici si capisce da che parte stiamo: se qualcuno infatti pensa che i grattacieli siano i luoghi del male contemporaneo, noi pensiamo invece che siano le comunità contemporanee, dove coabitano 30-40-50 inquilini, dove rientrano tutte le cose che fanno parte della natura umana, nel bene e nel male. Senza dare giudizio, ma anche senza avere pregiudizio. Qui cerchiamo di interrogarci anno dopo anno attraverso i programmi, i titoli, i temi, i testi.

Demanio Marittimo.Km-278
Demanio Marittimo.Km-278

Marzocca di Senigallia è “la terra di nessuno”, un “nowhere” che grazie al Demanio ha assunto una nuova identità ed è diventato uno spazio pubblico reinventato. É giusto etichettarlo così?
Non sono d’accordo sul discorso dei ‘non luoghi’. Esistono i ‘non luoghi’ solo per chi non li vuole sentire e per chi non prova il senso di appartenenza. Prima che noi arrivassimo questo non era niente, ma adesso è un luogo, e rimarrà per sempre nei ricordi, nella biografia, nel curriculum di chi ha partecipato e di chi lo vuole sentire. Pensiamo a cosa significa questa spiaggia di 300 metri per i vincitori dei contest e subito si rovescia la medaglia: il ‘nowhere’ non esiste. Questo per dire che una cosa non è data, è il gesto -vede, tornano le parole – che muta i contesti. I contesti sono sempre gli stessi.

Il tema del Demanio Marittimo Km-278 di quest’anno sono stati tradotti in una mappa che connette la spiaggia con il resto del mondo. Anche questa è Coesistenza?
La mappa aumentata è un delirio di fili che partono da qui e arrivano ‘wherever in the world’. La mappa dimostra che la spiaggia è un hub culturale. C’è stato un tempo in cui dovevi per forza stare in un museo per fare cultura, oggi il margine può diventare centro, e questa spiaggia è un margine che si è fatto centro. Sono saltate delle rigidità e delle retoriche, qui piacere e bisogni coesistono. Questo è un posto del piacere, dell’intelligenza, della cura dove diamo alle persone il meglio in base ai nostri poteri e la possibilità di rispondere ai loro bisogni. Facciamo coesistere bisogni e desideri come coesistono il questo mare. Questo è il mare dei migranti, ma anche il mare dove le persone vengono in vacanza sperando di passare un tempo felice. A Demanio Marittimo Km-278 c’è posto per le cose molto ‘sexy’ legate al contemporaneo e c’è posto per raccontare anche l’energia millenaria di questo paesaggio, tutto sta nel riuscire a capire come tradurla. Io credo che l’ambizione di Demanio sia stata sempre questa: provare almeno a dire che cos’è questa geografia, cos’è questo mare.

Demanio Marittimo.Km-278
Demanio Marittimo.Km-278

Prevedete di considerare estensioni temporali anche per la nona edizione del 2019?
Quest’anno ci siamo dilatati, non è detto che il prossimo anno accada. Non bisogna sottovalutare la complessità dentro il Demanio che è molto alta: più una cosa è compressa in un tempo molto breve, più diventa difficile. Innanzitutto il punto rimane quello di non abbandonare il format – il nostro punto di forza – che è unico e completamente diverso dal resto: perché noi siamo un progetto, e non un festival. E la progettualità può essere anche nel fare una torta dove l’alchimia degli ingredienti la rendono perfetta. Per questo noi resteremo sui nostri passi con una rigidità temporale molto ambiziosa: 12 ore in 300 metri. É il nostro esercizio paziente.

Bianca Felicori

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Bianca Felicori
Bianca Felicori è architetto junior e studentessa del corso di Laurea Magistrale in Architettura e Disegno Urbano presso il Politecnico di Milano. Inizia il suo percorso nella redazione di Domus insieme all’ex direttore Nicola Di Battista, correlatore della sua tesi di laurea triennale “L’occhio dell’arte in Domus” dedicata al rapporto tra la disciplina artistica e quella architettonica, con il contributo di Mimmo Paladino. Dopo l’esperienza all’interno della redazione, partecipa attivamente agli eventi dedicati all’architettura in Italia - Salone Internazionale del Mobile e Biennale di Venezia. Nata a Bologna e residente a Milano, è oggi redattrice di Artribune e si occupa di architettura e arti visive.