Un fondo per gli artisti, i creativi e i collettivi. Lo annuncia Nicola Zingaretti

Si riparte dall’arte contemporanea e dai quartieri per riprogettare il futuro. Nicola Zingaretti annuncia un bando per artisti, collettivi e realtà indipendenti

Spazio InSitu__SPAC3
Spazio InSitu__SPAC3

Con il libro VERA pensato e sviluppato dalla curatrice Damiana Leoni, si è aperta una ulteriore finestra sull’ampio scenario delle realtà indipendenti che animano la città di Roma, spazi creati da artisti per gli artisti da San Lorenzo a Tor Bella Monaca. Un racconto fotografico che dà voce ad 8 spazi indipendenti, oltre 50 studi di artista e 70 artisti italiani attivi in sette quartieri della Capitale. A presentarlo è stata la stessa curatrice insieme a Giuseppe Armogida di Spazio Mensa e il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ospitati nelle ampie metrature espositive di Spazio In Situ, accolti dal direttore artistico Christophe Constantin. Nel pubblico non sono mancati i rappresentanti di tutti gli spazi di Roma citati nel libro edito da Quodlibet del quale abbiamo parlato qui.

Libro Vera
Libro Vera

LA REGIONE LAZIO SOSTIENE LE REALTÀ CULTURALI INDIPENDENTI

Io sono convinto che bisogna riprogettare la vita dopo la pandemia”, ha dichiarato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, nel corso della presentazione. “Riprogettare la vita nel futuro non può prescindere dalla cultura” che anima e riempie la metropoli con la sua variegata scena artistica. Infatti, Zingaretti sottolinea quanto la Regione abbia spinto in questi ultimi anni realtà culturali in altri campi. “Ma, nella città che va ripensata bisogna intervenire per sostenere, accompagnare il più possibile la cultura e l’aggregazione” perché questa è la ricetta perfetta per creare una dimensione urbana migliore. Saranno pertanto presentati degli strumenti che aiuteranno, valorizzeranno e sosterranno gli intenti e le progettualità dei creativi. Ovvero?  Un fondo creativo per “mettere a disposizione delle risorse pensate per realtà associative, artisti e collettivi” che possano agevolare e sostenere tutti gli aspetti progettuali e di costruzione di esposizioni internazionali, le spese di trasporto e produzione. Stiamo parlando di cifre che si aggirano “almeno tra i 500.000 e 600.000 euro” spiega Nicola Zingaretti, un supporto economico che, sebbene la farraginosa macchina burocratica potrà creare qualche piccola noia, aiuterà e sosterrà la creatività Made in Rome. Infatti, arriva subito dopo l’annuncio: quasi 60 milioni verranno riservati nel Lazio a grandi progetti culturali, per il recupero e la rinascita del nostro patrimonio. “Un grande investimento sullo sviluppo e sul lavoro! Avanti!” è il tweet del presidente della Regione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nicola Zingaretti (@nicolazingaretti)

SPAZI INDIPENDENTI A ROMA

Sono molti gli artist-run-space nella Capitale. Quelli descritti nel libro VERA nascono per lo più nella “periferia est, dove troviamo quindi Quadraro, Centocelle, Tor Bella Monaca, Pietralata. E poi San Lorenzo, Salario fino al centro di Roma come a Trastevere” ha spiegato Leoni. In un anno si è deciso di approfondire e di parlare di queste importanti realtà attraverso un dialogo aperto con gli artisti. Una sinergia evidente che si esprime a gran voce anche grazie al progetto espositivo MATERIA NOVA, attualmente in mostra alla GAM – Galleria d’Arte Moderna di Roma, a cura di Massimo Mininni, dove tutti gli spazi indipendenti sono protagonisti animando i tre piani del museo con progetti che rappresentano la loro intrinseca identità. Ma qual è l’intento che accomuna tutte queste diverse identità indipendenti? A rispondere è Christophe Constantin: “è sempre una presa di posizione, una responsabilità di decidere – un po’ ingenuamente- di provare a cambiare le cose” come aveva iniziato lo stesso Spazio In Situ quando aprì nel 2016 con un’eco ancora ben rumoroso.

Valentina Muzi

https://www.regione.lazio.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.