BRAFA Bruxelles edizione diffusa: in Italia aprono 10 gallerie in 5 città, da Milano a Roma

BRAFA sceglie un format alternativo per la sua prossima edizione in programma dal 27 al 31 gennaio: mostre nelle gallerie d’arte in contemporanea in 13 nazioni. In Italia sono 5 le città coinvolte, eccole

Anche quest’anno l’Italia è protagonista di BRAFA, fiera d’arte di Bruxelles: una delle più longeve del mondo e una delle più amate dalle gallerie italiane di arte antica e moderna. Ma giocherà in casa, adeguandosi al format alternativo e “home edition” scelto dalla rassegna in sostituzione di quello ufficiale, posticipato al 2022 a causa del perdurare della pandemia. Si tratta di BRAFA in the Galleries, in programma dal 27 al 31 gennaio 2021, con 126 gallerie partecipanti in modalità diffusa (una modalità attuale e compatibile con l’attuale emergenza sanitaria del resto già adottata in Italia dalla fiera Flashback, ancora in corso fino al 7 marzo), ovvero con mostre in 37 città in 13 paesi diversi (Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Russia, Spagna, Svizzera, Ungheria, Giappone, Stati Uniti), con tutti i partecipanti aperti nelle stesse date e negli stessi orari e con 4 conferenze trasmesse in diretta streaming sul sito web. Un modello che trasforma il format di BRAFA e permette di riscoprire l’arte nonostante la chiusura dei musei. Gli spazi privati, infatti, sono autorizzati a continuare la propria attività e organizzare mostre ed esposizioni, nel rispetto di tutte le misure sanitarie vigenti. In Italia saranno 10 le gallerie ad aprire le porte ad appassionati e collezionisti in 5 città (Milano, Roma, Venezia, Arezzo e Racconigi). Vediamole nel dettaglio per area geografica…

– Claudia Giraud

www.brafa.art 

1. MILANO

Cortesi Gallery – Heinz Mack – Untitled (Chromatic Constellation), 2018

A Milano sarà possibile ammirare il miglior design italiano del ‘900 da Robertaebasta (Via Fiori Chiari 2-3), con la Poltrona di Proust firmata da Alessandro Mendini per Cappellini (1978) e il raro Trumeau ‘Panoplie’ di Piero Fornasetti e Gio Ponti: tra gli anni ’50 e ’60 furono prodotte solo 15 copie di questa versione bianco avorio del mobile. In mostra capolavori di arte africana e orientale presso Dalton Somaré (Via Borgonuovo 5); sculture e opere di ebanisteria da Brun Fine Arts (Via Carlo Pisacane 40), arte contemporanea nelle sale di Cortesi Gallery (Via Morigi 8) con la Costellazione cromatica di Heinz Mack (2018) accanto a Twisted Strings di Walter Leblanc (1976-1977) e Grigio di Agostino Bonalumi (1986). L’arte del ‘900 è anche il fulcro dell’esposizione allestita dalla londinese Repetto Gallery in Via Vincenzo Monti 8: qui si possono ammirare il Cristo in ceramica policroma di Lucio Fontana (1956-57), La Rosa di Michelangelo Pistoletto (serigrafia su specchio, 1981) ma anche l’olio su tela Limoni di Georges Braque (1939).

https://brunfineart.com/
https://www.cortesigallery.com/
http://www.daltonsomare.com/
https://it.repettogallery.com/
https://robertaebasta.com/

2. ROMA

Paolo Antonacci, Roma – Filippo Mola (Civitavecchia 1849-1918 Roma), Processione indiana, 1892, Firmato FMoladal vero

A Roma il percorso conduce dalla galleria Paolo Antonacci a W. Apolloni. La prima, a due passi da via del Babuino, è specializzata in dipinti, acquerelli e disegni dalla fine del XVIII secolo all’inizio del XX secolo con particolare attenzione alle vedute: qui sarà possibile ammirare la Processione Indiana di Filippo Mola (1892) e una coppia di dipinti ad olio con Ninfe con Cherubini in un paesaggio arcadico di Jacques-Antoine Vallin (1810). La seconda, invece, è all’interno del vicino Palazzo Patrizi: saranno in mostra dipinti, disegni e sculture dei secoli XVIII-XX, tra cui l’Omaggio a La Fornarina di Philippe-Jacques van Bree (1786-1871) e la Sfinge in ferro realizzata da Patrick Alò nel 2010.

http://paoloantonacci.com/
https://galleriawapolloni.it/

3. VENEZIA

Brafa21 – Gioielleria Nardi, Venezia- anello Mosaico

La Gioielleria Nardi di Venezia esporrà nella storica sede di Piazza San Marco le sue iconiche creazioni, che raccontano lo spirito della città, attraverso l’oro e le pietre preziose di capolavori di arte orafa come la spilla Mongolfiera con un opale di oltre 60 carati, l’anello Mosaico e l’Albero della Vita, spilla-pendente in oro bianco e diamanti dell’iconica collezione “Moretti”.

https://www.nardi-venezia.com/it 

4. AREZZO

Theatrum Mundi, Arezzo – Casco da Stormtrooper, Dal film ‘Star Wars Episode VII – The Force Awakens’ Lucasfilm 2015

Ad Arezzo si potrà entrare nella wunderkammer contemporanea di Theatrum Mundi (Via Cesalpino 20) per meravigliarsi davanti a un fossile di 175 milioni di anni fa o a un casco originale arrivato direttamente dal set di Star Wars.
https://www.tmundi.com/?lang=it 

5. RACCONIGI

Brafa21, Chiale, Racconigi, pannello Santissima Annunziata – Napoli

In Piemonte, infine, la galleria Chiale Fine Art di Racconigi (Via Stefano Tempia 22). Fondata esattamente 50 anni fa (e oggi presente anche con una seconda sede a Bruxelles), Chiale Fine Art è specializzata in scultura e arredamento dal XIV al XX secolo. Tra le opere esposte due pannelli intagliati con scene della vita di Cristo realizzati nel XVI secolo da Geronimo D’Auria e Salvatore Caccavello, probabilmente parte di un complesso scultoreo per un coro o una sacrestia analogo a quello della chiesa della Santissima Annunziata di Napoli.

https://www.chialefineart.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).