Educazione radicale

Settima lettera aperta firmata da Maria Rosa Sossai. Indirizzata a Sreshta Rit Premnath, con il quale ha condiviso un workshop di una settimana sotto il portico di piazza Gramsci a Milano nell’ambito del progetto Nexfloor.

Un workshop condotto da Sreshta Rit Premnath

Caro Rit,
la settimana vissuta insieme a te, a Federica e Francesca dell’Associazione Sintetico e ai partecipanti al workshop Temporary School a Milano è stata un’occasione per sperimentare in concreto qualcosa di nuovo. Tornata a Roma, ho provato a stilare l’elenco delle attività: seduti insieme su dei pancali quattro ore al giorno, abbiamo letto ad alta voce e in silenzio, discusso, chiacchierato con gli abitanti della piazza; abbiamo lavorato divisi in gruppi per un progetto di riqualificazione del portico, usato fogli, matite, colori e ascoltato molto.
Eravamo circondati da teloni in pvc riciclati su cui – durante le giornate iniziali del laboratorio – erano state scritte delle domande: cos’è pubblico? Cos’è privato? Il corpo è pubblico o privato? Quanto è importante il divertimento nell’atto di apprendere? Cosa significa imparare e quali attività comporta? Bisogna prendersi cura del luogo dove si apprende prima di trasformarlo? Collaborare significa anche avere cura l’uno dell’altro? Cosa e come si comunica alle persone che attraversano lo spazio? Cosa ci unisce? Cosa ci divide? Cosa significa apprendere? Acquisire nuovi contenuti? O anche comprendere chi è intorno a noi?

Sreshta Rit Premnath

A queste domande si sono aggiunte le proposte suggerite dagli abitanti della zona e le più ricorrenti riguardavano la richiesta di aree verdi, ma anche la possibilità di condividere conoscenze, esperienze e idee. Mi ha fatto riflettere la tua osservazione sull’evidenza che qualsiasi fosse stato il prodotto del laboratorio in termini di sapere, gli aspetti più rilevanti dell’azione educativa erano la classe stessa e la sua interazione con la gente e lo spazio, sino a che la classe stessa fosse diventata una scultura pedagogica.
Queste tue parole hanno acquistato un nuovo significato alla luce della mail che mi hai mandato al tuo ritorno a New York, in cui hai affermato che l’esperienza del workshop ti aveva fatto cambiare idea sul rapporto esistente fra arte e formazione. Si era colmata quella distanza teorica iniziale fra le nostre due posizioni – io convinta che l’educazione nell’attuale momento storico sia un terreno fertile di libera sperimentazione e ricerca per gli artisti, e tu persuaso che le attività artistica ed educativa fossero due momenti distinti.
La sintesi mi sembra sia arrivata durante il dibattito al DOCVA, quando Anna Detheridge è intervenuta dicendo che l’opera d’arte è in sé un atto radicale di educazione. Oggi la formazione è diventata di moda e dappertutto fioriscono corsi estivi, workshop, cicli di lezioni, promossi da associazioni, fondazioni, gallerie, dipartimenti di musei e mostre d’arte. Sarebbe bello se tanto sforzo e tante energie portassero a reali cambiamenti nel rapporto tra il mondo dell’arte e quello della formazione. Non credo alle grandi trasformazioni, soprattutto se calate dall’alto, credo al contrario all’opera capillare e lenta dei piccoli gruppi, perché anche una sola di queste esperienze può cambiare il corso della vita di una persona.

Sreshta Rit Premnath – Hide – 2010 – courtesy Gallery SKE e l’artista

Augusto Boal, che mi hai fatto conoscere, scrive nel suo libro The Theatre of the Oppressed che l’educazione è un’arma potente e proprio per questo non dovrebbe essere lasciata nelle mani di chi detiene il potere. Quindi la scuola in senso più ampio è dovunque ci siano persone che non solo imparano delle cose, ma che soprattutto scoprono qualcosa su se stessi. Uno degli obiettivi che ci eravamo prefissi era creare una scuola aperta e senza pareti, che potesse diventare un laboratorio dove ribaltare la visione di una società divisa fra teoria e pratica. Solo confutando la separazione gerarchica per cui chi pensa è posto più in alto (gli intellettuali) rispetto a chi agisce (le persone comuni) si potranno creare reali e uguali opportunità di crescita culturale per tutti.

Maria Rosa Sossai

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #8

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maria Rosa Sossai
Maria Rosa Sossai è ricercatrice nel campo delle pratiche artistiche e delle politiche dell’educazione. Nel 2012 ha fondato ALAgroup – Accademia Libera delle Arti, un collettivo indipendente che concepisce la pratica curatoriale e artistica come un processo di conoscenza condiviso, e che continua la ricerca iniziata nel 2008 con l’associazione per l’educazione all’arte esterno22. Con ALAgroup, ha curato mostre, residenze e workshop, tra i quali: “Literary Creation”, sezione della Mediterranea 18 Young Artists Biennale, Tirana; “We+Museum= To Dream a Vision or to Vision a Dream?” degli artisti Driant Zeneli e Valentina Bonizzi presso Campus in Camps a Betlemme; “Un’educazione”, ciclo di laboratori e mostre di artisti italiani e internazionali al FAI - Villa e Collezione Panza a Varese; il workshop e la mostra “Quale Educazione per Marte?” dell’artista Valerio Rocco Orlando. Dal 2013 al 2015 ha diretto AlbumArte spazio | progetti per l’arte contemporanea di Roma. Ha curato mostre e progetti in gallerie, fondazioni e musei in Italia e all’estero, tra gli altri al museo MAN di Nuoro, al Tel Aviv Museum, al SongEun ArtSpace di Seoul, alla Krishnamurti Foundation di Bangalore. A Roma ha collaborato con la Fondazione Pastificio Cerere, l’Istituto Polacco, la Nomas Foundation, the American Academy, la Real Academia de España. Con gli Istituti Italiani di Cultura di Tel Aviv e Seoul. Scrive per le riviste di arte contemporanea Flash Art, Arte e Critica, Artribune, Shifter, VLNA. Ha pubblicato i libri “Vivere insieme l’arte come azione educativa” (Torri del vento, Palermo 2017), “Arte video, storie e culture del video d’artista in Italia” (Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2002) e “Film d’artista, percorsi e confronti tra arte e cinema” (Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2009).