Viale Banna
Poirino - Piemonte
+39 0119430540
mc.lattuada@fondazionespinola-bannaperlarte.org
http://www.fondazionespinola-bannaperlarte.org

La Fondazione Spinola Banna per l’Arte è nata a Banna, in provincia di Torino, nel 2004. Gli obiettivi della Fondazione sono la discussione e la promozione dell’arte contemporanea tramite un programma di workshop e seminari, il cui fine è l’approfondimento teorico delle pratiche artistiche attuali e la didattica dei temi più rilevanti del dibattito filosofico ad esse correlato. Nello specifico il progetto innovativo, nonché attività primaria della Fondazione, è la realizzazione di un programma di formazione post-universitaria sull’arte contemporanea, con residenza, dedicato a artisti under 35 attivi sul territorio nazionale con un occhio di riguardo per gli artisti piemontesi. Tale programma prevede tre workshop intensivi all’anno, che si svolgeranno dalla primavera all’autunno e una serie di incontri o conferenze su temi particolarmente rilevanti del dibattito contemporaneo. I workshop avranno carattere di studio e approfondimento intensivo, sviluppato tramite discussioni, analisi e sedute progettuali, e vedranno impegnati come docenti artisti eminenti dal profilo internazionale, che definiranno in assoluta libertà il tema, i metodi e le differenti fasi del confronto didattico. A discrezione dell’artista ospite, inoltre, potranno esserci contributi esterni, tavole rotonde con esperti di settore e realizzazioni di documenti, elaborati ed opere, al fine di una ricognizione teorico-pratica il più possibile articolata. La struttura della Fondazione, progettata attorno a grandi spazi comuni, sia di lavoro che ricreativi, facilita tale confronto serrato tra i partecipanti al workshop, pur garantendo la necessaria privacy, utile allo studio e alla riflessione. Ad ognuno di questi laboratori potranno partecipare fino a otto giovani artisti - scelti dalla Fondazione stessa in base al curriculum e alla coerenza del loro lavoro con il tema specifico del workshop e l’impostazione decisa dall’artista ospite -, che risiederanno con il visiting professor per tutta la durata del laboratorio negli spazi della Fondazione. Ad ogni workshop è possibile la partecipazione di un artista disabile, per il quale la Fondazione ha allestito spazi attrezzati e commodities particolari. Nel 2010 la Fondazione Spinola Banna per l’Arte ha sostituito le mostre di fine workshop con un appuntamento annuale che raccoglierà i migliori progetti degli artisti che hanno partecipato ai workshop dell’anno in corso, scelti da un’apposita commissione. La mostra sarà curata dal visiting professor del workshop curatoriale. I workshop saranno documentati in video e registrati. Dalle decine di ore di materiale girato verranno tratti i Quaderni di Banna, documento conclusivo dei lavori svolti nei locali della Fondazione e vera e propria memoria storica dell’attività ivi organizzata. I quaderni, realizzati su supporto informatico e pubblicati annualmente in un cofanetto a conclusione degli appuntamenti previsti per ogni anno solare, sono una sorta di ipertesto nel quale confluiranno, accanto alla registrazione delle parti salienti delle discussioni e dei dibattiti sostenuti nei workshop, gli elaborati conclusivi di ogni sessione, nonché la documentazione dettagliata del lavoro del docente e dei singoli partecipanti ai corsi. La Fondazione Spinola Banna per l’Arte, dall’anno accademico 2007/2008, ha stipulato una convenzione con il clasAV, corso di laurea specialistica in progettazione e produzione delle arti visive dell’Università IUAV di Venezia. Dal 2010 la Fondazione Spinola Banna per l’Arte ha stipulato una convenzione con il biennio specialistico di Arti Visive e Studi curatoriali della Naba, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, con le stesse modalità del clasAV. Accanto alla consolidata e apprezzata esperienza nell’arte visiva, la Fondazione Spinola Banna per l’Arte ha deciso di aprire le porte della sua tenuta alla musica. In linea con il proprio intento di contribuire alla promozione della contemporaneità - anche tramite la formazione di giovani professionalità artistiche -, dopo un’attenta analisi dell’offerta musicale (nel campo della formazione) piemontese e italiana - ricca di masterclass strumentali, seminari e corsi di perfezionamento sull’esecuzione -, la Fondazione ha deciso di mirare al settore creativo della composizione, promuovendo allo stesso tempo la nascita e l'esecuzione di opere musicali, in modo da intervenire in un campo aperto al futuro e “abitato” da giovani. Il Centro Imponente complesso di edifici rurali a corte chiusa, tra i più grandi e interessanti del Piemonte, il Centro è dominato da un massiccio torrione rimodernato sulle fondazioni di un’antica casaforte, la cui più remota attestazione risale alla seconda metà del Duecento. Possesso dei Canonici di Asti, poi feudo dei Roero, degli Asinari di Virle e dei Caraglio, venne eretto con Chieri, Poirino e Riva in principato nel 1785 da Vittorio Amedeo III di Savoia in favore del figlio Vittorio Emanuele, Duca d’Aosta. In seguito la tenuta ebbe vari proprietari, fino ad arrivare nel corso della prima metà del Novecento alla famiglia Spinola. Gli edifici che costituiscono il complesso sono ancora in parte utilizzati per le attività dell'azienda agricola di 280 ettari, coltivata a grano tenero, meliga e soia, colture classiche per queste zone e per questa tipologia di terreno. La tenuta Banna si estende su un territorio non ancora compromesso dal punto di vista paesaggistico, tipicamente rappresentativo di quella campagna piemontese compresa tra l’arco alpino, il Monferrato, il Roero e le Langhe. La Fondazione Spinola Banna per l’Arte ha realizzato in una porzione degli edifici rustici al momento inutilizzati una residenza per artisti, la cui capacità ricettiva massima prevista è di dieci posti letto in camere singole con servizi autonomi, e la possibilità di ospitare persone disabili. La ristrutturazione è stata eseguita dall’architetto Cesare Burdese. L’attività della Fondazione Spinola Banna per l’Arte è sostenuta dalla Compagnia di San Paolo.


GAM di Torino e Fondazione Spinola Banna: bilancio del progetto triennale...

Conclusa, con mostra finale, la collaborazione tra Fondazione Spinola Banna per l’Arte e GAM di Torino che ha permesso a 15 giovani artisti nell’arco di 3 anni di formarsi con tutor e un piano di lavoro condiviso dalle due sedi

Eventi esposti presso FONDAZIONE SPINOLA BANNA PER L’ARTE

Diari tra diari. La mostra

Diari tra diari. La mostra

Poirino  08/06/2019 - 09/06/2019
Evento conclusivo con esposizione dei lavori realizzati per il progetto di residenza di giovani artisti organizzato da Fondazione Spinola Banna per l’Arte e GAM...
Alberto Garutti – Senhsucht

Alberto Garutti – Senhsucht

Poirino  15/04/2019 - 04/05/2019
IperPianalto_exhibition

IperPianalto_exhibition

Poirino  23/06/2018 - 24/06/2018
Atlante Energetico – Mostra finale

Atlante Energetico – Mostra finale

Poirino  24/06/2017 - 30/06/2017
Luca Beatrice – Docenza per il territorio

Luca Beatrice – Docenza per il territorio

Poirino  12/04/2013 - 19/04/2013