Valentina e non solo. I personaggi più iconici di Guido Crepax in mostra ad Aosta

Oltre 100 opere raccontano l’arte di uno dei maestri del fumetto più amati di sempre: “Guido Crepax. I mille volti di Valentina” è un excursus sulla carriera del disegnatore, letta anche attraverso il cinema, il teatro, la musica e la letteratura

Valentina di Guido Crepax
Valentina di Guido Crepax

Ha fatto il suo debutto nel 1965 sulla rivista Linus, nei panni di un personaggio secondario nel fumetto fantascientifico Neutron. Da allora Valentina Rosselli, nota a tutti gli amanti del genere e non solo come Valentina, ha fatto breccia nel cuore di uomini e anche donne, fragile, sensuale, emotivamente instabile, in preda ad allucinazioni, sogni, contraddizioni della vita di tutti i giorni. Valentina è la grande protagonista della mostra dedicata al suo creatore Guido Crepax (Milano, 1933-2003) che il prossimo 11 giugno inaugurerà al Centro Saint-Bénin di Aosta, Guido Crepax. I mille volti di Valentina, con oltre 100 opere tra inediti documenti d’archivio, copertine di dischi, oggetti di design, abiti, paraventi, studi per la pubblicità e grandi giochi tridimensionali che esploreranno l’affascinante arte di Crepax. Frutto di una “fusione” tra la moglie di Guido Crepax (Luisa) e l’attrice Louise Brooks, Valentina non è l’unica protagonista della mostra: a farle compagnia sono anche Belinda, Bianca, Anita, Giulietta e Francesca, tutti personaggi femminili creati dal maestro del fumetto. La mostra – a cura di Alberto Fiz in collaborazione con Archivio Crepax – esplorerà inoltre le ispirazioni, le contaminazioni, le suggestioni che l’arte di Crepax hanno avuto su cinema, teatro, letteratura, fotografia, televisione, arte, e viceversa. Qualche esempio? In mostra si raccontano le vicende che hanno coinvolto artisti come Kandinsky o Moore, cui Crepax ha dedicato le storie Il falso Kandinsky e La Sindrome di Moore, passando per Magritte e Manet (di cui il disegnatore ha realizzato una versione trasgressiva dell’Olympia. Ecco le immagini di alcune opere in mostra… 

– Desirée Maida 

Aosta // dall’11 giugno al 17 ottobre 2021
Guido Crepax. I mille volti di Valentina
Centro Saint-Bénin

ACQUISTA QUI il catalogo di Guido Crepax

Dati correlati
AutoreGuido Crepax
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.