L’editore francese Antoine Gallimard inaugura a Parigi la sua galleria d’arte

Il colosso francese dell’editoria inaugura un piccolo spazio espositivo a Parigi nel settimo arrondissement, a pochi passi dalla sede storica della casa editrice. Ospiterà mostre a metà tra arti visive, musica e letteratura, utilizzando come base di partenza gli autori del catalogo Gallimard…

Antoine Gallimard
Antoine Gallimard

Con un focus sul rapporto tra le arti visive, la musica e la letteratura, il prossimo 13 novembre inaugura a Parigi la Galerie Gallimard, spazio espositivo fortemente voluto da Antoine Gallimard, presidente dell’omonima casa editrice, tra le più importanti e influenti del pianeta.

LA CASA EDITRICE

Éditions Gallimard non è una casa editrice qualsiasi ma un vero colosso editoriale che possiede uno dei cataloghi più vasti del mondo con oltre 17.000 titoli e i più grandi autori della storia della letteratura. Da Jean Paul Sartre a Simone de Beauvoir, da Albert Camus a Louis-Ferdinand Céline, da Marcel Proust a Milan Kundera, e poi ancora Georges Simenon, Antonin Artaud Marguerite Duras, Patrick Modiano e tanti altri. Fondata a Parigi nel 1911 con il nome di Les Éditions de la Nouvelle revue française da Gaston Gallimard, già dieci anni dopo la piccola casa editrice si trasforma in La LibrairieGallimard, una vera e propria azienda che non si occupa più solamente di stampare i libri ma che sceglie gli autori più interessanti e li lega a sé attraverso contratti di esclusiva. È la svolta e la grande fortuna dell’azienda. Oggi Éditions Gallimard è guidata dal nipote del fondatore, Antoine Gallimard, che nel 1992 l’ha trasformata nel gruppo editoriale “Groupe Madrigall”, che possiede i marchi Gallimard, Flammarion e Casterman e che vanta un fatturato che supera i 400 milioni di euro. La famiglia Gallimard continua a detenere il 60% dell’azienda, mentre tra i maggiori azionisti c’è il gruppo LVMH di Arnauld che ha rilevato il 10% della casa editrice.

LO SPAZIO ESPOSITIVO

La Galerie Gallimard inaugurerà il prossimo 13 novembre in rue de l’Université a Parigi in prossimità della sede storica della casa editrice. Un piccolo spazio di 60 metri quadri che ospiterà sei mostre all’anno focalizzate sul rapporto tra le arti e la letteratura. L’intento è quello di promuovere gli autori e i disegnatori del catalogo Gallimard, ma al tempo stesso generare nuove chiavi di lettura di letterati considerati ormai assodati. La mostra inaugurale è dedicata a Patti Smith e ai legami tra la sua musica e l’opera letteraria di Arthur Rimbaud, Jean Genet et Albert Camus. Non solo mostre, ma la galleria si occuperà anche di vendere direttamente le opere grafiche degli autori in catalogo.

– Mariacristina Ferraioli

Galerie Gallimard
30-32 rue de l’Université (7éme) Parigi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.