MOMENTUM 11: le anticipazioni dell’edizione 2021 della Biennale di Moss

Intitolata House of Commons, la biennale norvegese del 2021 sarà una manifestazione all’insegna della solidarietà civile e della solidarietà sociale. Ecco le novità e i temi dell’undicesima edizione

Franscesc Ruiz, House of FunMOMENTUM 10, 2019. PhotoVegard Kleven
Franscesc Ruiz, House of FunMOMENTUM 10, 2019. PhotoVegard Kleven

Dopo il buon successo della Biennale 2019, annunciati i curatori e il tema per l’undicesima edizione di MOMENTUM, che si svolge nella cittadina della contea di Viken, nella Norvegia meridionale. E coincide con un nuovo palcoscenico nella storia della biennale, dato che la maggior parte dei luoghi e dei siti saranno ora sull’isola di Jeløya. La nuova sede sarà un’opportunità per MOMENTUM di impegnarsi in una relazione più stretta con la natura e di essere un incubatore e un catalizzatore per un cambiamento sociale planetario.

Una veduta dell’Isola di Jeløya Moss, Norvegia. Photo Eivind Lauritzen
Una veduta dell’Isola di Jeløya Moss, Norvegia. Photo Eivind Lauritzen

MOMENTUM 11: UNA BIENNALE IMPEGNATA

Fondata nel 1998, organizzata e prodotta da Galleri F15, la Biennale ha funzionato come piattaforma per esplorare concetti e formati espositivi sperimentali, sia in ambito nordeuropeo sia in una prospettiva internazionale. Responsabili dell’edizione 2021, Théo-Mario Coppolaalla curatela, e Håkon Lillegravencuratore associato. In attesa di conoscere le date e il programma completo, sono stati annunciati il titolo e il concept, che si rifanno al modo in cui il capitalismo, il colonialismo, il razzismo, la società patriarcale e le norme di genere hanno dominato l’esistenza degli individui. Per stimolare un deciso cambio di rotta, è stata pensata House of Commons, una biennale all’insegna della solidarietà civile e della parità, che prende le mosse dal concetto di “bene comune”, formulato negli anni Ottanta da Elinor Ostrom. Gli artisti selezionati lavoreranno su nuove forme di vicinanza e condivisione, coinvolgendo in maniera attiva anche il pubblico dei visitatori, attingendo da nuove forme di governance e “utopie concrete”, narrazioni personali e strategie di resilienza, bisogni delle comunità, proteste sociali e misure di protezione degli ecosistemi.

MOMENTUM 11: UN APPROCCIO INNOVATIVO

Dag Aak Sveinar, direttore di Galleri F15 e MOMENTUM, ha dichiarato: “siamo entusiasti di lavorare con il curatore Théo-Mario Coppola sulle sue linee guida tematiche e sull’esplorazione concettuale di orizzontalità e solidarietà. Dare una voce e un volto a questa parte di futuro è impegnativo ma anche necessario. MOMENTUM 11 avrà un approccio ‘esistenziale’, concepita com’è per dire dove ci troviamo, chi siamo e cosa stiamo facendo – e facendolo insieme inizieremo un dialogo che porterà alla costruzione di un futuro condiviso”. Coppola è curatore e critico d’arte. La sua pratica è caratterizzata da empatia e attivismo curatoriali, un approccio che lo ha portato a sviluppare il concetto di “comunità affettive”, definibili come strategie collettive che resistono alle forme contemporanee di dominio, e difendono identità emarginate cercando di tradurre i valori i valori in arte e buone pratiche di governance. 

Niccolò Lucarelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.