Lo specchio sporco dei Settanta

Spesso non ci facciamo caso, ma il cinema italiano degli Anni Settanta ha anticipato quasi tutto della realtà italiana, ruvida e sporca, in cui viviamo immersi. Con registi come Dino Risi e Carlo Lizzani, Francesco Rosi e Marco Bellocchio, fino a Elio Petri e al misconosciuto Damiano Damiani.

Vittorio Gassman

Se i Cinquanta e i Sessanta contengono i modelli che generalmente consideriamo (sbagliando, naturalmente) inarrivabili, irraggiungibili, come se fossero stati elaborati da individui che con noi non intrattengono alcun rapporto, e in condizioni produttive favolose; e se gli Ottanta rappresentano, con poche ma significative eccezioni, il momento in cui viene definitivamente sigillata quella bolla spazio-temporale, nostalgica e paralizzante, che solo adesso si mostra crepata (un immaginario culturale estremamente pervasivo, generalmente identificato con Drive In e i “cinepanettoni”); i Settanta italiani sono percorsi da tutte le tensioni, positive e negative, che agitano e percuotono la società intera, e che – come sempre avviene – si manifestano in maniera particolarmente efficace nella produzione culturale.
Il cinema, in questo senso, appare il territorio privilegiato, in cui da un lato si prosegue coerentemente il lungo e fecondo percorso iniziato con il Neorealismo (e i registi, in molti casi, sono gli stessi: Rosi e Lizzani su tutti); dall’altro, la commedia italiana, che nel Neorealismo affondava le sue origini (Vita da cani di Steno e Monicelli è del 1950) e che, a partire dagli Anni Cinquanta, aveva costruito e riconfigurato l’identità nazionale sulle macerie dell’epoca precedente, accompagnando la critica sociale dei vizi collettivi alla loro esaltazione, rinuncia consapevolmente a una parte della sua brillantezza scanzonata, per accedere a territori molto maturi e amari.

Roma bene di Carlo Lizzani

Così, il decennio si inaugura, nel 1971, con due capolavori molto diversi tra loro, ma che considerati insieme compongono un impressionante – e sconsolante – dittico sul cuore nero, fetido dell’Italia: In nome del popolo italiano di Dino Risi e Roma bene di Carlo Lizzani. Nel primo, il giudice istruttore Mariano Bonifazi (Ugo Tognazzi) si oppone all’imprenditore corrotto Renzo Santenocito (Vittorio Gassman), la sintesi della natura becera e volgare di un intero popolo: nella scena finale, durante i festeggiamenti per la vittoria della nazionale sull’Inghilterra, il giudice riconosce infatti il suo nemico nel volto e nell’atteggiamento di ogni tifoso. Ed è sempre attraverso lo sguardo di un servitore dello Stato, il colto e zelante commissario Quintilio Tartamella (Nino Manfredi) che in Roma bene Lizzani indaga la malattia di un’intera nazione attraverso la decomposizione della sua Capitale, e della fauna umana che ne occupa le posizioni più privilegiate (un ritratto impietoso di squallore e degrado civile che proseguirà con Storie di vita e malavita, 1975 e San Babila ore 20: un delitto inutile, 1976).
Ma è forse il film d’inchiesta – in grado di fondere abilmente impegno, indagine sociologica e azione – che cattura il carattere più vero e profondo del nostro cinema Anni Settanta (originando anche il filone più serio dei poliziotteschi). Francesco Rosi – che aveva praticamente fondato il genere, con Salvatore Giuliano (1962) e Le mani sulla città (1963) – approda nel 1972 a Il caso Mattei, in cui la vicenda già storica viene ricostruita attraverso soluzioni originali di docufiction e persino autofiction, mettendo a punto una struttura narrativa fatta di scarti, digressioni e innesti: diviene così il cratere fondamentale che risucchia l’intera storia recente del Paese. Nello stesso anno e con lo stesso protagonista (Gian Maria Volonté), Marco Bellocchio compone con Sbatti il mostro in prima pagina un agghiacciante saggio sulla manipolazione e sulla distorsione dell’informazione a fini politici, che andrebbe riguardato oggi con tremore.

Girolimoni

Ma l’autore che forse più di tutti esplora le zone indicibili dell’Italia repubblicana, costruendo – con film come Confessione di un commissario di polizia al procuratore della repubblica (1971), L’istruttoria è chiusa: dimentichi (1971), Girolimoni, il mostro di Roma (1972), Perché si uccide un magistrato (1976) – un cinema di denuncia potente e terribile è il sottovalutato Damiano Damiani. Senza dimenticare, naturalmente, il Petri più visionario e profetico – da Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970) e La classe operaia va in paradiso (1971) a La proprietà non è più un furto (1973), e soprattutto a Todo modo (1976).

Christian Caliandro

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #9

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).