Luci e ombre di New York. La fotografia di Lynn Saville a Milano

La galleria Alessia Paladini compie un anno di attività con la mostra della fotografa americana Lynn Saville. Una selezione di 20 opere dedicata al lavoro più recente dell’artista, realizzato a New York

La ricerca di Lynn Saville (Durham, 1950) si muove nell’ambito della fotografia americana del paesaggio urbano, con un percorso che da subito si concentra sulla fotografia notturna, inizialmente in bianco e nero e poi a colori. Ma se è vero che la dimensione di Lynn Saville è la notte, colta specialmente nel suo divenire, nel momento di passaggio dell’imbrunire, il cuore di questi lavori è la luce: la luce del giorno che scompare, portando via l’immagine nitida e nota dello spazio, per lasciare la città alla luce artificiale ed enigmatica della notte, in un silenzio deserto, tagliato dai neon delle insegne o abitato da solitarie presenze. È una New York di reminiscenza hopperiana e dal sapore cinematografico, che racconta l’oscurità come momento emblematico e rivelatorio di un’altra realtà in cui tutto appare nella sua dimensione più profonda e segreta.

Waring Envelope, 2015 © Lynn Saville. Courtesy Alessia Paladini Gallery
Waring Envelope, 2015 © Lynn Saville. Courtesy Alessia Paladini Gallery

LA FOTOGRAFIA DI LYNN SAVILLE AI CONFINI DELLA NOTTE

Lynn Saville fotografa strade, incroci, scorci, luoghi iconici di New York o anonimi magazzini di Brooklyn come sequenze di un unico racconto. Tutto accade attraverso dettagli evocativi e simbolici: la vetrina di un negozio che resta accesa, una figura che si allontana, le ruspe che aprono una voragine davanti al Chrysler Building. Sono immagini sospese, ferme in un tempo in cui qualcosa è appena accaduto o sta per accadere: set di una scena che lascia spazio all’immaginazione, alla trasformazione e al mistero. Una dark city, una New York oscura in molteplici sensi, molto lontana dal dinamismo efficiente delle apparenze diurne, che svela nel buio i suoi lati nascosti e fragili: negozi sfitti ed edifici fantasma, lo spettro della crisi finanziaria, lavori interrotti e prospettive incerte.

Lynn Saville. Dark Cities. Exhibition view at Alessia Paladini Gallery, Milano 2022. Photo Emilia Jacobacci
Lynn Saville. Dark Cities. Exhibition view at Alessia Paladini Gallery, Milano 2022. Photo Emilia Jacobacci

LYNN SAVILLE E LA POESIA DELL’IMMAGINAZIONE

Di fronte all’esigenza documentaria o sociale, Lynn Saville tuttavia predilige quella personale, poetica: la sua è prima di tutto una fotografia dell’attesa che mira a cogliere la sfumatura perfetta di luce e colore, tra notte e giorno, tra assenza e presenza, in grado di restituire quel particolare frammento in cui la realtà si fa visione, al confine tra il mondo che conosciamo e quello che possiamo solo immaginare, aprendo nell’oscurità il varco sottile alle infinite possibilità del reale.

Emilia Jacobacci

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoLynn Saville - Dark cities
Vernissage27/01/2022
Duratadal 27/01/2022 al 26/03/2022
AutoreLynn Saville
Generifotografia, personale
Spazio espositivoALESSIA PALADINI GALLERY
Indirizzovia Pietro Maroncelli 11 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emilia Jacobacci
Emilia Jacobacci è una storica dell’arte, laureata alla Sapienza di Roma con una tesi sul progetto del MAXXI. Si è poi specializzata in Management dei beni culturali alla Scuola Normale di Pisa e a Milano in Comunicazione multimediale. Scrive di arte contemporanea dal 2001, collaborando con numerose testate tra cui Exibart, Tema celeste, Il Giornale dell’Arte, Flash Art, Arte e Critica. Ha collaborato con il MLAC – Museo Laboratorio dell’Università di Roma La Sapienza e scritto saggi e contributi critici per la collana ArtisticaMENTE e Luxflux-prototype. Per Artribune scrive dal 2012 e attualmente ha ideato e cura la rubrica di interviste di fotografia “Fotosintesi”.