La natura secondo Jean Arp. A Venezia

Collezione Peggy Guggenheim, Venezia – fino al 2 settembre 2019. Una settantina di opere ripercorrono la parabola creativa di Jean Arp, con un occhio di riguardo alla sua originale declinazione delle istanze naturali.

Organicità e semplificazione delle linee, desiderio di sperimentare e coraggiosa attitudine a scompaginare le regole acquisite: si muove tra questi poli la storia creativa di Jean Arp (Strasburgo, 1886 – Basilea, 1966), al quale la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia dedica un omaggio espositivo, rinsaldando il legame che lo univa alla mecenate – portava la firma di Arp la prima opera acquistata da Peggy.
Organizzata dal Nasher Sculpture Center di Dallas, interlocutore fondamentale per la sede veneziana, la mostra celebra il talento di Arp nel declinare la materia – pittorica, scultorea, grafica – in forme lontane dai dettami tradizionali, ma sempre caratterizzate da un particolare riguardo per l’elemento “vitale”. Promotore della volontà Dada, Arp seppe tenersi in equilibrio sul filo dell’astrazione, dando origine a un immaginario nel quale il richiamo alla figura è sempre evidente, ma diluito in un flusso di giochi cromatici e geometrie. La “solidità” plastica delle Concrezioni umane o della Scultura coniugale, realizzata insieme a Sophie Taeuber-Arp, è complementare a Pettorina e forchetta e alle combinazioni a tasselli degli esordi: indagini sulla sostanza della materia, riducendo le distanze con la fisicità del pubblico e andando al cuore della forma.

Arianna Testino

Evento correlato
Nome eventoLa natura di Arp
Vernissage12/04/2019 su invito
Duratadal 12/04/2019 al 02/09/2019
AutoreJean Arp
CuratoreCatherine Craft
Generearte moderna
Spazio espositivoCOLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM
IndirizzoDorsoduro 701 I-30123 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).