100 anni di Arte Cinetica alla Kunsthal di Arte Moderna e Design a Rotterdam. Le immagini

La Kunsthal, il Museo di Arte Moderna e Design di Rotterdam, celebra con una grande retrospettiva l’arte cinetica con le opere degli artisti che hanno contribuito allo sviluppo del movimento

Carlos Cruz Diez,
Carlos Cruz Diez, "Chromosaturation / Paris 1965"

Quest’autunno il Kunsthal – il Museo di Arte Moderna e Design di Rotterdam – ospiterà una grande retrospettiva dedicata alla Arte Cinetica inserendola nel contesto delle arti performative di oggi. Concetti come spazio, movimento, visione e luce si sono, infatti, imposti nell’arte astratta del ventesimo secolo come risposta ai progressi scientifici e tecnici. È l’idea in voga dalla Seconda Guerra Mondiale in poi che l’arte sia tale solo quando è percepita o sperimentata direttamente dal suo spettatore. Le esperienze di vista e movimento giocano, così, un ruolo centrale in molte pratiche artistiche. La retrospettiva dal titolo Action <-> Reaction 100 Years of Kinetic Art prende in considerazione non solo il periodo dell’effettiva nascita del cinetismo – consacrato come corrente artistica dalla mostra internazionale Le Mouvement tenutasi nel 1955 a Parigi alla Galleria Denise René, con opere di Calder, Marcel Duchamp, Rafael Soto, Jean Tinguely, Victor Vasarely–, ma anche il lavoro di alcuni dei suoi predecessori. Tra questi, Giacomo Balla, Hans Richter, François Morellet e László Moholy-Nagy, che sono stati i primi a provare ad esprimere concetti astratti e dinamici della realtà attraverso la pittura, la scultura e i film. Per arrivare, infine, ai giorni nostri, con i rappresentanti delle generazioni più giovani di artisti, come ad esempio Jeppe Hein, con le sue sculture e installazioni interattive. Ecco le immagini.

– Claudia Giraud

Action <-> Reaction 100 Years of Kinetic Art
Dal 22 settembre 2018 al 20 gennaio 2019
Kunsthal Rotterdam, Museumpark, Westzeedijk 341 Rotterdam
www.kunsthal.nl/en/home/plan-your-visit/exhibitions/action-reaction/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).