Prima opera a Milano per Andrea Gandini, l’artista che scolpisce gli alberi abbandonati

In zona Porta Venezia la prima scultura pubblica realizzata dall’artista romano Andrea Gandini a Milano. Riflette sulle contraddizioni sociali che caratterizzano il quartiere. Il degrado e la ricchezza. Come due facce della stessa medaglia

Porta Venezia, Andrea Gandini
Porta Venezia, Andrea Gandini

Ad una settimana dall’inchiesta di Vittorio Brumotti per Striscia La Notizia sullo spaccio di droga in pieno centro a Milano, Andrea Gandini, l’artista romano del legno, scolpisce come fa da anni a Roma un tronco morto abbandonato nell’area di Porta Venezia.
L’opera non è stata commissionata, è stato un intervento voluto dall’artista come dono alla città. Gandini, classe 1997, infatti, è ormai celebre per le sue azioni urbane nel territorio capitolino. Va ad intervenire sui tronchi degli alberi abbattuti – abbandonati sui marciapiedi o nei parchi -, li intaglia e li restituisce metamorfizzati. Ha realizzato più di 60 sculture a Roma per il progetto in progress Troncomorto e ha ora deciso di approdare in una delle zone, a suo parere, più controverse di Milano.

Gandini spiega ad Artribune: “Il mio messaggio è che l’arte può fiorire anche nei luoghi pubblici più inaspettati. Spesso gli alberi e i loro scarti vengono considerati alla stregua di spazzatura, invece penso siano una ricchezza che deve essere sfruttata”. La nuova scultura, la prima creata dall’artista a Milano, si trova tra due binari del tram. Nell’opera, la figura che emerge dalla superficie, appena abbozzata, pare affacciarsi da una finestra per sbirciare cosa accade in città. È un muto testimone dotato di coraggio, stupito dinanzi alle disuguaglianze sociali. Vuole evidenziare il contrasto tra due aspetti della zona: da una parte, il degrado – lo spaccio e i clochard che dormono sulle panchine -, dall’altra, la ricchezza e la centralità – i palazzi di fronte all’area verde con appartamenti da un milione di euro -. Ecco le immagini.

– Giorgia Basili

https://it-it.facebook.com/AndreaGandiniArt/
https://www.instagram.com/gandini.andrea/?hl=it


Eventi d'arte in corso a Milano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.