Il super gallerista David Zwirner apre nuova sede a Los Angeles

David Zwirner si trasferisce a Los Angeles. Per non essere lasciata fuori, anche la mega-galleria ha deciso di aprire uno spazio-satellite in California. L’annuncio durante la fiera Frieze LA

David Zwirner
David Zwirner

È ufficiale, David Zwirner aprirà un nuovo spazio a Los Ageles. Il mercante d’arte tedesco naturalizzato statunitense si è infatti accaparrato un enorme spazio a East Hollywood. L’annuncio arriva sulla scia della fusione di Pace con Kayne Griffin a Los Angeles e dei piani di Hauser & Wirth di aprire un secondo spazio a West Hollywood. La galleria di David Zwirner inaugurerà nel gennaio 2023 con una mostra di opere della pittrice Njideka Akunyili Crosby 

Njideka Akunyili Crosby, Still You Bloom in This Land of No Gardens, 2020. Photo by Jeff McLane. © Njideka Akunyili Crosby. Courtesy the artist, Victoria Miro, and David Zwirner
Njideka Akunyili Crosby, Still You Bloom in This Land of No Gardens, 2020. Photo by Jeff McLane. © Njideka Akunyili Crosby. Courtesy the artist, Victoria Miro, and David Zwirner

LA MOSTRA INAUGURALE A LOS ANGELES 

Quest’ultima ha un interessante storia alle spalle: nata nel 1983 a  Enugu, in Nigeria,  è figlia di Dora Nkem Akunyili, ex direttore generale della National Agency for Food and Drug Administration and Control (NAFDAC) ed ex Ministro nigeriano dell’Informazione e delle Comunicazioni (2008-2010). Nel 1999, all’età di 16 anni si trasferisce negli USA, a Los Angeles, diventando appunto un’icona dello star-system e del mercato artistico, quindi vanto locale. Un nuovo fermento e trasmigrazione di megas che potrebbe creare un certo nervosismo con le fuoriclasse locali quali David Kordansky che vanta un parterre molto nutrito di artisti affermati ma anche di emergenti (ad esempio, fino al 5 marzo presenta la mostra di Jonas Wood “Plants and Animals”) – e Blum & Poe (che possiede inoltre due spazi a NY e a Tokyo). Le ben radicate glorie cittadine dovranno tirar fuori le unghie per mantenere la supremazia e il legame con i collezionisti affezionati, far sostenere i propri artisti affermati, aggiudicandosi ancora una grossa fetta del mercato. 

Frieze New York 2013 - David Zwirner
Frieze New York 2013

LA GALLERIA DAVID ZWIRNER NEL MONDO 

La galleria presenta un’ampia scuderia di artisti ed Estates, tra cui Josef Albers, Francis Alys, Noah Davis, Marlene Dumas (aprirà il 23 marzo la mostra a Palazzo Grassi), Dan Flavin, Isa Genzken, Felix Gonzalez-Torrres, Donald Judd, On Kawara, Barbara Kruger, Yayoi Kusama, Sherrie Levine, Oscar Murillo, Alice Neel, Chris Ofili, Juan Muñoz, Sigmar Polke ecc. Tanti gli spazi nel mondo: 3 gallerie a New York (prima erano 4), Londra, Parigi e Hong Kong. Si aggiungerà quindi la settima galleria-satellite con gli studi di Hollywood ad un tiro di schioppo e in una città con una importante fiera internazionale ormai consolidata. 
Siamo infatti già alla terza edizione di Frieze nella città degli angeli (con 38 gallerie locali, espositori dagli Usa e da altri 17 paesi); a LA è inoltre presente una fiera parallela Felix dall’atmosfera mondana – stanze e cabanas a bordo piscina nell’iconico Hollywood Roosvelt Hotel -; infine, la fiera concorrente Basel a Miami Beach è sì lontana ma comunque facilmente raggiungibile. 

– Giorgia Basili  

https://www.njidekaakunyilicrosby.com
https://www.davidzwirner.com
https://www.blumandpoe.com/about  

 

  

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.