La pittura onirica di Anna Capolupo in mostra a Lecce

Spazio Su, l’insolito project space realizzato in un’abitazione al secondo piano di un palazzo nobile nel centro storico di Lecce, ospita il progetto site specific di Anna Capolupo

Sono scale ripide quelle che conducono in un luogo sospeso, un mezzanino che diviene camera picta e dove sono raccolti i grandi fogli di carta dai contorni singolari realizzati da Anna Capolupo (Lamezia Terme, 1983). Il sogno si tramuta in materia, pittura vivida dalla narrazione ordinata e talvolta convulsa, dove l’imprevisto figurativo riconduce l’immagine a un frammento quotidiano.

Anna Capolupo. Trecce Celesti. Exhibition view at Spazio su, Lecce 2022. Photo © Grazia Amelia Bellitta
Anna Capolupo. Trecce Celesti. Exhibition view at Spazio su, Lecce 2022. Photo © Grazia Amelia Bellitta

IL LINGUAGGIO PITTORICO DI ANNA CAPOLUPO

Le opere dell’artista di origine calabrese racchiudono un sentire personale, sono brani pittorici che ricordano gli ampi e antichi teleri e dove la natura morta non è solo un genere rappresentativo, ma è anche una traccia simbolica, archivio figurato di un’indagine antropologica che coniuga e prende in esame sia l’oggetto reale che quello irreale, inserito all’interno di una scenografia visiva dai contorni esotici, magici e atavici.
Capolupo esegue un trittico dai dettagli carnascialeschi in cui le lunghe tinte e le numerose figure sono attori e testimoni di un linguaggio composito, e il cromatismo ricorda alcune suggestioni pittoriche di Antonietta Raphaël. Ogni opera è caratterizzata da nastri intrecciati, legami silenti e laboriosi che abbracciano e tengono stretti non solo i pensieri, ma anche il colore e il disegno.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Eventi d'arte in corso a Lecce

Evento correlato
Nome eventoAnna Capolupo - Trecce celesti
Vernissage29/12/2021
Duratadal 29/12/2021 al 31/01/2022
AutoreAnna Capolupo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSPAZIO SU
IndirizzoVia Guglielmo Paladini 33 - Lecce - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.