Lavorare il vetro in chiave contemporanea. 6 artisti giapponesi in mostra a Milano

Tradizione, modernità e richiami plastici all’Occidente si mescolano nelle opere dei sei artisti in mostra alla Esh Gallery di Milano

Fino al 26 novembre Esh Gallery dà spazio al lavoro di sei artisti giapponesi che utilizzano il vetro sia per dare voce alla propria espressività sia per plasmare e riformulare l’idea di un’estetica globale. Il vetro permette di giocare assumendo un’identità ibrida tra arte, design e sapienza artigianale, grazie alla trasparenza, alla versatilità e all’inalterabilità chimica.
Ryo Sekino realizza due vasi dalle forme mitigate e morbide; il vetro opaco, bianco latte, viene “inciso” da fessure filiformi che catturano la luce. Se nella millenaria arte del Kintsugi la frattura è enfatizzata dall’oro, qui è la luce che inebria, facendo risplendere, il cuore interno. Runa Kosogawa, con The petal that reminds, propone un petalo blu, malinconico ma affusolato come la punta di una lancia in ossidiana (non per niente un “vetro naturale”).

Runa Kosogawa, The petal that reminds, 2020, vetro, cm 4,4x14x8,2
Runa Kosogawa, The petal that reminds, 2020, vetro, cm 4,4x14x8,2

GLI ARTISTI IN MOSTRA ALLA ESH GALLERY

Il lavoro più sorprendente è quello di Shohei Yokoyama, tra gli artisti finalisti del LOEWE Craft Prize. Se è vero che il vetro non cristallizza (ha una struttura amorfa), Yokoyama riesce a intrappolare la natura fluida dello stato precedente, liquido, con la fibra del materiale. Le sue creature simulano dei nastri plastici che, germogliando in molteplici volute e nodi, creano un vortice danzante. Ōki Izumi, artista d’adozione milanese, opta invece per il vetro industriale dal colore glauco, acquamarina, ideando delle architetture enigmatiche e pluristratificate: dei palazzi in miniatura, padiglioni trasparenti pieni di riverberi luminosi. In Ritmo della città sembra di ammirare uno skyline composto di slanciati grattacieli newyorkesi. La sua opera si ispira, nonostante le apparenze, alla natura e alla cultura zen. In ultimo, Yoshiaki Kojiro crea delle opere dense, quasi impenetrabili: il bianco di Sinking Composition sembra simulare la patina della neve, nella quale si inabissano squarci profondi. L’indaco scuro di Structural blue sposa una superficie all’esterno liscia e vellutata che diventa all’interno scabra e granulosa.

Giorgia Basili

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoExpress and Explore Contemporary Japanese Glass
Vernissage14/09/2021 ore 18
Duratadal 14/09/2021 al 22/09/2021
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoESH GALLERY
IndirizzoVia Forcella 7 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.